Schema di classificazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Uno schema di classificazione è una struttura informativa utilizzabile per la classificazione di documenti o di contenitori di conoscenze e concernente una organizzazione gerarchica dei contenuti di una disciplina, di un settore di attività o dell'intero complesso dei saperi. Nei tre casi prospettati si parla rispettivamente di "sdc" disciplinare, settoriale e universale (o enciclopedico).

Uno 'sdc' prevede di ripartire l'insieme dei contenuti di sua competenza a diversi livelli di dettaglio. Facciamo riferimento ad uno "sdc" a tre livelli di un tipo piuttosto semplice, con la caratteristica dell'uniformità. Ad un primo livello i contenuti si ripartiscono in una certa collezione di categorie maggiori; al secondo livello i contenuti di ogni categoria maggiore si ripartiscono in categorie intermedie; al terzo i contenuti di ogni categoria intermedia si ripartiscono in categorie di dettagliate. Questo schema si può rappresentare come una arborescenza distesa, ovvero come un albero con radice. L'insieme dei contenuti corrisponde alla radice (posta al livello 0), i nodi diretti discendenti della radice (collocati al livello 1) corrispondono alle categorie maggiori, i nodi diretti discendenti dei precedenti (al livello 2) corrispondono alle categorie intermedie e i nodi diretti discendenti di quelli di livello 2 (attribuiti al livello 3) corrispondono alle categorie dettagliate. Nel nostro schema supponiamo che questi ultimi non abbiano discendenti, cioè siano nodi foglia, nodi senza figli: questo corrisponde al fatto che le categorie dettagliate non vengono analizzate in sottocategorie, come avviene per ogni categoria maggiore e intermedia.

Utilizzo per la classificazione[modifica | modifica sorgente]

Gli "sdc" vengono utilizzati prevalentemente per scopi bibliografici e loro applicazioni tipiche si trovano nell'ambito delle biblioteche disciplinari e delle riviste specializzate. Gli addetti alla classificazione dei libri di una biblioteeca o degli articoli di una rivista possono servirsi vantaggiosamente di uno "sdc" attribuendo ciascun documento, libro o articolo, ad una o più categorie di uno schema. In questo modo segnalano che nel documento si trovano contenuti che vanno collocati nelle categorie indicate. L'attribuzione di una sola categoria dettagliata dice che il classificatore ritiene che il libro o l'articolo riguarda conoscenze specifiche ben definite. L'attribuzione di una categoria maggiore, molto comprensiva, significa invece che il documento tocca tutti gli (o molti degli) argomenti che afferiscono a questa parte della disciplina o del settore, senza tuttavia entrare nello specifico di nessuna. La attribuzione di più categorie precisa la natura composita del documento classificato.

Dalle categorie assegnate ad ogni libro di una biblioteca o ad ogni articolo di un periodico si possono ottenere le indicazioni dei documenti disponibili che toccano i contenuti concernenti le diverse categorie dei vari livelli di dettaglio.

Da queste indicazioni si possono avere buoni orientamenti sulle conoscenze accessibili negli scaffali di una biblioteca o nei numeri di una rivista.

Uno "sdc" ben utilizzato dagli addetti alla classificazione può quindi servire ai frequentatori di una biblioteca e ai lettori di una rivista. Muovendosi sui repertori che elencano i documenti sotto le categorie utilizzate per le classificazioni si viene orientati sui testi che conviene sfogliare o analizzare per ottenere informazioni sugli argomenti di interesse.

Altro campo di impiego degli "sdc" è quello della gestione documentale all'interno delle aziende per le quali la conoscenza l'esperienza maturata sia un capitale da sfruttare. Sempre più, infatti, i software a supporto del Knowledge management presentano la possibilità di definire una "sdc" ben strutturata in modo che i contributi portati da ogni membro della comunità (utenti) possa essere ben descritta dalla classificazione e quindi efficacemente recuperata e riutilizzata da altri. L'operazione di classificazione di un documento, quindi, ossia la sua associazione alle categorie di una "sdc", diventa parte integrante - e fondamentale - della creazione della conoscenza.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Sono oggi disponibili schemi di classificazione molto ricchi di informazioni, curati da gruppi di studiosi, aggiornati periodicamente e in definitiva autorevoli sul piano delle conoscenze.

Tre schemi disciplinari importanti sono

Tra gli schemi universali, generalisti, vi sono

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]