Santuario della Madonna dei Fanghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santuario della Madonna dei Fanghi
Pieve di Teco-santuario madonna dei fanghi3.jpg
StatoItalia Italia
RegioneLiguria
LocalitàPieve di Teco
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMaria
Diocesi Albenga-Imperia
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzione1678
CompletamentoXVIII secolo

Coordinate: 44°03′46.58″N 7°54′43.99″E / 44.062939°N 7.912219°E44.062939; 7.912219

Il santuario della Madonna dei Fanghi è un edificio religioso antico situato alla confluenza tra i torrenti Armo e Arrogna, immerso tra la fitta vegetazione, nell'omonima località a Pieve di Teco, nell'Alta valle Arroscia in provincia di Imperia. Il santuario è raggiungibile tramite la strada provinciale 6 collegante Pieve di Teco e Armo, oppure tramite un percorso naturalistico pedonale sempre da Pieve di Teco. Fa parte della diocesi di Albenga-Imperia.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le fonti storiche la nascita del santuario è legata al culto religioso che nel XVII secolo crebbe attorno ad un'immagine raffigurante la Visitazione; l'effigie fu posta da un certo Antonio Aicardo su un pilone nella prima metà del Seicento.

Sul luogo fu costruita nel 1678 una primaria cappella ottagonale, ornata internamente da affreschi, così come testimonia una lapide marmorea sulla facciata. Nel corso del XVIII secolo la chiesa fu ampliata così come si presenta ancora oggi, in stile tardo barocco.

L'intitolazione alla Madonna dei Fanghi deriverebbe dalle caratteristiche geofisiche del territorio circostante, infatti il luogo è ricco di fango per l'abbondanza di acqua.

Il 2 luglio vi si celebra la festa della Visitazione.

All'interno del santuario si conserva il dipinto raffigurante la Vergine Maria con il Bambino Gesù.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Meriana, Guida ai Santuari in Liguria, Genova, Sagep Editrice, 1990, ISBN 88-7058-361-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]