Savino di Piacenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da San Savino di Piacenza)
Jump to navigation Jump to search
San Savino
San-Savino-conservation-2015-Caselle-Landi.jpg
La statua di san Savino presente nella chiesa di Caselle Landi.
 

Vescovo

 
NascitaMilano, 330
MortePiacenza, 11 dicembre 420
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleChiesa di San Savino a Piacenza
Patrono diCaselle Landi
Savino di Piacenza
vescovo della Chiesa cattolica
San-Savino-conservation-2015-Caselle-Landi.jpg
Template-Bishop.svg
 
Nato330 a Milano
Deceduto11 dicembre 420 a Piacenza
 

Savino o Sabino (Milano, 330Piacenza, 11 dicembre 420) fu diacono a Milano e successivamente vescovo a Piacenza, ove risiedette per quasi cinquant'anni; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu uno dei padri costituenti il Concilio di Antiochia del 372, e combatté strenuamente le eresie, soprattutto quella di Ario. A questo proposito, la tradizione dice che ci fu un fecondo carteggio fra Savino, Ambrogio e Bassiano.

Morì l'11 dicembre del 420. Alcuni resti delle sue ossa (principalmente cranio) e una piccola teca con il suo sangue riposano sotto l'altare della basilica a lui dedicata, in via Alberoni a Piacenza.

Patrono[modifica | modifica wikitesto]

Viene invocato contro le frequenti esondazioni del fiume Po. Si narra, infatti, che durante una di queste piene avesse gettato nell'acqua del fiume una lettera, intimando al "grande Po" di ritirarsi e di non minacciare più le popolazioni e le campagne, e che tale desiderio venne esaudito.

La festa è tradizionalmente celebrata il 17 gennaio, ma a Caselle Landi, di cui è patrono, si festeggia ogni quarta domenica d'ottobre.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Piacenza Successore BishopCoA PioM.svg
San Vittore
? - 375
375 - 420 San Mauro
420 - 449
Controllo di autoritàVIAF (EN57742909 · GND (DE131353918 · CERL cnp00708704 · WorldCat Identities (ENviaf-57742909