Sacculo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Componenti dell'orecchio interno

Il sacculo, insieme all'utricolo, è uno dei due organi otolitici che si trovano nell'orecchio interno dei vertebrati. Costituisce una dilatazione del labirinto membranoso e contiene endolinfa. Trovasi racchiuso nel vestibolo del labirinto osseo.

Anatomia[modifica | modifica wikitesto]

Il sacculo è più piccolo dell'utricolo ed è situato al di sotto di esso, nella parte più declive del vestibolo. Ha una forma ovoidale, appiattita lateralmente con asse maggiore verticale. È accolto nel recesso sferico.

Comunica con il condotto cocleare tramite il dotto reuniente e con il sacco endolinfatico attraverso il ramo sacculare del condotto endolinfatico.

Sul versante interno, ed in particolare sulla parte mediale, presenta la macula sacculi (macula del sacculo), senza alcuna differenza, dal punto di vista istologico, dalla macula utriculi; le due macule risultano essere quasi perpendicolari tra loro. La macula del sacculo contiene cellule cigliate sensitive. Vi si trovano due tipologie di cellule ciliate: le cellule di tipo 1 hanno la forma di un fiasco, le cellule di tipo 2 cilindrica. Presentano dalle 30 alle 50 stereociglia oltre ad un lungo chinociglio che sorge da un centriolo. Il chinociglio è polarizzato in direzione opposta rispetto alla striola, un rilievo della macula.

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

Il compito del sacculo è di portare informazioni ai nuclei vestibolari riguardo ad i movimenti che si hanno sul piano verticale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John A. Kierman, Barr's: Il Sistema Nervoso dell'Uomo - Basi di Neuroanatomia, a cura di Prof. Lucio Cocco, Prof. Eugenio Gaudio, Prof.essa Lucia Manzoli e Prof. Michele Papa, 8ª ed., Napoli, EdiSES, 2008, pp. 366-368, ISBN 978-88-7959-425-7.
  • Giuseppe Anastasi, et al., Trattato di anatomia umana, vol. 3, 4ª ed., Milano, Edi.Ermes, 2006, pp. 413-416, ISBN 978-88-7051-285-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]