S. Corinna Bille

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Stéphanie Corinna Bille (Losanna, 29 agosto 1912Sierre, 24 ottobre 1979) è stata una poetessa e scrittrice svizzera.

Bille è nata a Losanna, figlia del pittore svizzero Edmond Bille, ed è cresciuta a Sierre.[1] Bille si trasferì a Parigi dove si sposò ma il matrimonio fu successivamente annullato. Nel 1937 tornò in Svizzera dove si ammalò gravemente. Dopo la sua guarigione Bille sposò lo scrittore Maurice Chappaz.[1]

Nel 1974 ha ricevuto il Prix Schiller per le sue opere.[2] Ha vinto il Prix Goncourt de la Nouvelle del 1975 per La Demoiselle sauvage.[3]

Diversi racconti e romanzi di Bille furono tradotti in tedesco e italiano e alcuni racconti furono tradotti in inglese. Nel 2006 una raccolta di traduzioni inglesi di racconti e prosa è stata pubblicata come La ragazza trasparente e altre storie.[4]

Sebbene Bille viaggiò molto tornò sempre a casa nel Vallese.[1] È morta a Sierre. La sua tenuta è archiviata nell'Archivio svizzero di letteratura.[3]

Opere [1][modifica | modifica wikitesto]

  • Printemps (Primavera), poesia (1939)
  • Théoda, romanzo (1944)
  • Le grand tourment (La grande angoscia), romanzi (1951)
  • Le sabot de Vénus (Le scarpe di legno di Venere), romanzo (1952)
  • Florilège alpestre (album alpino), saggio (1953)
  • L'enfant aveugle (il bambino cieco), racconti (1955)
  • Jeunesse d'un peintre (Giovinezza di un pittore) (1962),
  • Le pays secret (I paesi segreti), poesia (1963)
  • Le mystère du monstre (Il mistero del mostro), storie per bambini (1966)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Katharina M Wilson, An Encyclopedia of Continental Women Writers, Volume 1, 1991, pp. 128–30, ISBN 0-8240-8547-7.
  2. ^ (FR) S. Corinna Bille, su Encyclopédie Valais, 15 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2012).
  3. ^ a b (FR) Literary estate of S. Corinna Bille, su archive database HelveticArchives.
  4. ^ Stephanie Corinna Bille, The Transparent Girl and Other Stories, 2006, p. xvii, ISBN 0-7391-1295-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34451413 · ISNI (EN0000 0001 1024 5165 · LCCN (ENn50012062 · GND (DE118658832 · BNF (FRcb11885760b (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n50012062