Rondel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il rondel è un tipo di poesia cosiddetta a forma fissa costruita su due rime soltanto e che comporta un ritornello, similmente al rondeau e al triolet. È composto generalmente di tredici versi ottonari ripartiti in tre strofe. Lo schema metrico del rondel è ABba abAB abbaA.

Il ritornello del rondel è formato dai suoi primi due versi, che si ritrovano alla fine della seconda strofa, dopo i suoi primi versi, che si ritrovano alla fine della terza. La sua struttura può tuttavia comportare delle varianti : il ritornello finale si compone a volte dei due primi versi; le strofe contano un verso in più o in meno; alcuni rondel sono formati da versi decasillabi; ci sono anche dei rondel doppi costituiti da quattro quartine.

Il rondel, la cui origine è francese, è stato in voga tra il XIV secolo e il XVI secolo prima d'essere ripreso da qualche poeta, in Francia o anche in altri paesi europei, verso la fine del XIX secolo. Uno dei rondel più conosciuti nella storia della poesia francese è Le Printemps di Charles d'Orléans (1394-1465):

Le temps a laissié son manteau
De vent, de froidure et de pluye,
Et s'est vestu de brouderie,
De soleil luyant, cler et beau.
Il n'y a beste, ne oyseau,
Qu'en son jargon ne chant ou crie:
Le temps a laissié son manteau
De vent, de froidure et de pluye.
Riviere, fontaine et ruisseau
Portent, en livrée jolie,
Gouttes d'argent et d'orfaverie,
Chascun s'abille de nouveau.
Le temps a laissié son manteau.

Questa stessa struttura si ritrova in questo rondel di Stéphane Mallarmé, apparso su La Plume nel 1896:

Mallarmé - Si tu veux nous nous aimerons.jpg

Ci sono molte variazioni del rondel. Per esempio, qualche volta solo il primo verso della poesia si ripete alla fine; o, il secondo ritornello può ritornare alla fine dell'ultima stanza, come nel cosiddetto Rondel Primario (aka, Rondel Supremo o Sonetto francese). Nella lingua inglese Henry Austin Dobson fornisce il seguente esempio di un rondel primario:

    Love comes back to his vacant dwelling,
      The old, old Love that we knew of yore!
      We see him stand by the open door,
    With his great eyes sad, and his bosom swelling.

    He makes as though in our arms repelling
      He fain would lie as he lay before;
    Love comes back to his vacant dwelling,
      The old, old Love that we knew of yore!

    Ah ! who shall help us from over-spelling
      That sweet, forgotten, forbidden lore?
      E'en as we doubt, in our hearts once more,
    With a rush of tears to our eyelids welling,
    Love comes back to his vacant dwelling,
      The old, old Love that we knew of yore!

Altri rondel[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Anthony Cuddon, The Penguin Dictionary of Literary Terms and Literary Theory, Penguin Books, 1991 ISBN 0140513639

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rondel of Merciless Beauty, a rondel in variant form by Geoffrey Chaucer

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura