Riflessione interna totale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'angolo di incidenza del raggio blu θ2 è maggiore dell'angolo critico: il raggio di luce viene riflesso

La riflessione è il fenomeno, governato dalla legge della riflessione, per cui un'onda elettromagnetica che colpisce una superficie di separazione tra due mezzi, in parte prosegue il suo percorso deviandolo al di là della superficie, mentre in parte torna nella direzione da cui proveniva. In particolare, secondo la nota legge, detto \theta_i l'angolo di incidenza del raggio luminoso e detto \theta_r l'angolo formato dal raggio riflesso con la normale alla superficie, si ha che \theta_i = \theta_r\;. Se invece si chiama \theta_t l'angolo formato dal raggio rifratto con la normale alla superficie, secondo la legge di Snell si ha che n_1 sin\theta_i = n_2 sin\theta_t\;, detti n_1 e n_2 gli indici di rifrazione dei mezzi.

La riflessione totale avviene se l'angolo \theta_t raggiunge l'ampiezza di \pi /2, cioè se non esiste più onda rifratta. Questo fenomeno può avvenire nel passaggio da un mezzo più denso a uno meno denso (ovvero, n1 > n2) e l'angolo \theta_i tale per cui non esiste onda rifratta è detto angolo critico:

\theta_{\mathrm{crit}} = \arcsin \left( \frac{n_2}{n_1}  
\right)

Quando θi > θcrit non appare alcun raggio rifratto: la luce incidente subisce una riflessione interna totale ad opera dell'interfaccia. Si genera un'onda di superficie, o onda evanescente (leaky wave), che decade esponenzialmente all'interno del mezzo con indice di rifrazione n2.

La formula precedente è stata ottenuta ponendo nella legge di Snell sin\theta_t = 1\; perché \theta_t = \frac {\pi}  {2}.

Riflessione interna totale

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]