Renato Squillante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Renato Squillante (Napoli, 15 aprile 1925Roma, 3 agosto 2017) è stato un giurista e magistrato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giudice per le indagini preliminari del tribunale di Roma, negli anni novanta fu coinvolto in due vicende giudiziari, il processo IMI-SIR e il processo SME.

Nel processo IMI-SIR, fu condannato in primo grado alla pena di otto anni e sei mesi di reclusione per corruzione in atti giudiziari, pena ridotta a cinque in appello; infine, il 4 maggio 2006 la Cassazione annullò la condanna riqualificando i fatti come "tentativo di intermediazione tra privati"[1].

Nel processo SME, fu condannato in primo grado alla pena di otto anni di reclusione, ridotta a sette in appello; nel novembre 2006, la Cassazione annullò la sentenza con rinvio degli atti alla procura di Perugia, per ragioni di incompetenza territoriale[2][3][4]. I reati si estinsero per prescrizione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]