Referendum del 2012 in Sardegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Referendum consultivo del 2012 in Sardegna
Cagliari Regierungspalast.jpg
Il Palazzo Regio di Cagliari, sede del consiglio regionale della Sardegna
StatoItalia Italia
RegioneSardegna Sardegna
Data6 maggio 2012
Tipoconsultivi e abrogativi
Riassetto generale delle province. Abrogazione.
  
96,94%
No
  
3,06%
Yes check.svg quorum raggiunto
(affluenza: 35,50%)
Adempimenti conseguenti alla istituzione di nuove Province e norme sugli amministratori locali. Abrogazione.
  
97,61%
No
  
2,39%
Yes check.svg quorum raggiunto
Previsione delle nuove circoscrizioni provinciali della Sardegna. Abrogazione.
  
97,72%
No
  
2,28%
Yes check.svg quorum raggiunto
Istituzione delle Province di Carbonia-Iglesias, del Medio Campidano, dell'Ogliastra e di Olbia-Tempio. Abrogazione.
  
96,87%
No
  
3,13%
Yes check.svg quorum raggiunto
Abolizione delle quattro province "storiche" della Sardegna, Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano. Consultazione.
  
65,99%
No
  
34,01%
Yes check.svg quorum raggiunto
Riscrittura dello Statuto della Regione Autonoma della Sardegna da parte di un'Assemblea Costituente. Consultazione.
  
94,42%
No
  
5,58%
Yes check.svg quorum raggiunto
Elezione diretta del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna. Consultazione.
  
96,86%
No
  
3,14%
Yes check.svg quorum raggiunto

I referendum sardi del 2012 sono 10 referendum regionali, 5 abrogativi e vincolanti (1, 2, 3, 4, 8) e 5 consultivi (5, 6, 7, 9, 10), che si sono svolti in Sardegna il 6 maggio 2012[1]. I referendum, chiamati comunemente "anticasta", sono stati proposti dal Movimento Referendario Sardo, con un particolare appoggio da parte dei Riformatori Sardi, per abrogare le quattro nuove province sarde e la legge sui compensi ai consiglieri regionali (cinque quesiti abrogativi), per abolire le quattro storiche province, per la convocazione di un'assemblea costituente che riscriva lo statuto, per l'elezione diretta del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna, per l'abolizione dei consigli d'amministrazione degli enti e delle agenzie regionali e per la riduzione del numero dei consiglieri regionali (cinque quesiti consultivi). Affinché il referendum fosse valido era necessario che fosse raggiunto il quorum del 33,3% degli aventi diritto al voto (un terzo) così come richiesto dalla L.R. n.20 del 1957[1]. Alla chiusura delle urne la percentuale dei votanti è risultata essere 35,50% e dunque il quorum raggiunto[2]. Lo spoglio delle schede ha visto vincere il "Sì" in tutti e dieci i quesiti.

Quesiti[modifica | modifica wikitesto]

I dieci quesiti proposti nei referendum sono stati[1]:

«Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 2 gennaio 1997, n. 4 e successive integrazioni e modificazioni recante disposizioni in materia di “Riassetto generale delle Province e procedure ordinarie per l’istituzione di nuove Province e la modificazione delle circoscrizioni provinciali?»

  • Referendum n° 2 (abrogativo):

«Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 1 luglio 2002, n. 10 recante disposizioni in materia di “Adempimenti conseguenti alla istituzione di nuove Province, norme sugli amministratori locali e modifiche alla legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4?»

  • Referendum n° 3 (abrogativo):

«Volete voi che sia abrogata la deliberazione del Consiglio regionale della Sardegna del 31 marzo 1999 (pubblicata sul BURAS n. 11 del 9 aprile 1999) contenente “La previsione delle nuove circoscrizioni provinciali della Sardegna, ai sensi dell’art. 4 della legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4?»

  • Referendum n° 4 (abrogativo):

«Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 12 luglio 2001, n. 9 recante disposizioni in materia di “Istituzione delle Province di Carbonia-Iglesias, del Medio Campidano, dell’Ogliastra e di Olbia-Tempio?»

«Siete voi favorevoli all’abolizione delle quattro province “storiche” della Sardegna, Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano?»

  • Referendum n° 6 (consultivo):

«Siete voi favorevoli alla riscrittura dello Statuto della Regione Autonoma della Sardegna da parte di un’ Assemblea Costituente eletta a suffragio universale da tutti i cittadini sardi?»

  • Referendum n° 7 (consultivo):

«Siete voi favorevoli all’elezione diretta del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna, scelto attraverso elezioni primarie normate per legge?»

  • Referendum n° 8 (abrogativo):

«Volete voi che sia abrogato l’art. 1 della legge regionale sarda 7 aprile 1966, n. 2 recante “Provvedimenti relativi al Consiglio regionale della Sardegna” e successive modificazioni?»

  • Referendum n° 9 (consultivo):

«Siete voi favorevoli all’abolizione dei consigli di amministrazione di tutti gli Enti strumentali e Agenzie della Regione Autonoma della Sardegna?»

  • Referendum n° 10 (consultivo):

«Siete voi favorevoli alla riduzione a cinquanta del numero dei componenti del Consiglio regionale della Regione Autonoma della Sardegna?»

Affluenza alle urne[modifica | modifica wikitesto]

TOTALE PERCENTUALE %
Iscritti alle liste 1.480.366 100,00% SUL TOTALE ELETTORI
Votanti (ore 12:00) 115.723 7,81% SUL TOTALE ELETTORI
Votanti (ore 19:00) 366.630 24,76% SUL TOTALE ELETTORI
Votanti (definitivo) 525.651 35,50% SUL TOTALE ELETTORI

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati dei vari quesiti sono stati i seguenti:[3]

Primo quesito[modifica | modifica wikitesto]

Riassetto generale delle province. Abrogazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.505 35,50% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 4.398 0,84% (su n. votanti)
Voti nulli 1.630 0,31% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  503.560 96,94%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 15.876 3,06%
Totale voti validi 519.436 100%

Secondo quesito[modifica | modifica wikitesto]

Adempimenti conseguenti alla istituzione di nuove Province e norme sugli amministratori locali. Abrogazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.504 35,50% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 4.264 0,81% (su n. votanti)
Voti nulli 1.504 0,29% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  507.268 97,61%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 12.431 2,39%
Totale voti validi 519.436 100%

Terzo quesito[modifica | modifica wikitesto]

Previsione delle nuove circoscrizioni provinciali della Sardegna. Abrogazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.500 35,50% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 4.503 0,86% (su n. votanti)
Voti nulli 1.575 0,30% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  507.278 97,72%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 11.853 2,28%
Totale voti validi 519.131 100%

Quarto quesito[modifica | modifica wikitesto]

Istituzione delle Province di Carbonia-Iglesias, del Medio Campidano, dell'Ogliastra e di Olbia-Tempio. Abrogazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.507 35,50% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 3.155 0,60% (su n. votanti)
Voti nulli 1.335 0,25% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  504.680 96,87%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 16.300 3,13%
Totale voti validi 520.980 100%

Quinto quesito[modifica | modifica wikitesto]

Abolizione delle quattro province “storiche” della Sardegna, Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano. Consultazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.292 35,49% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 4.164 0,79% (su n. votanti)
Voti nulli 2.854 0,54% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  341.956 65,99%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 176.261 34,01%
Totale voti validi 518.217 100%

Sesto quesito[modifica | modifica wikitesto]

Riscrittura dello Statuto della Regione Autonoma della Sardegna da parte di un'Assemblea Costituente. Consultazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.301 35,49% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 5.623 1,07% (su n. votanti)
Voti nulli 1.842 0,35% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  487.060 94,42%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 28.803 5,58%
Totale voti validi 515.863 100%

Settimo quesito[modifica | modifica wikitesto]

Elezione diretta del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna. Consultazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.397 35,50% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 4.215 0,80% (su n. votanti)
Voti nulli 1.549 0,29% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  501.397 96,86%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 16.267 3,14%
Totale voti validi 517.664 100%

Ottavo quesito[modifica | modifica wikitesto]

Provvedimenti relativi al Consiglio regionale della Sardegna. Abrogazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.558 35,51% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 7.412 1,41% (su n. votanti)
Voti nulli 2.073 0,39% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  499.328 97,18%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 14.511 2,82%
Totale voti validi 513.839 100%

Nono quesito[modifica | modifica wikitesto]

Abolizione dei consigli di amministrazione di tutti gli Enti strumentali e Agenzie della Regione Autonoma della Sardegna. Consultazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.490 35,50% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 4.819 0,92% (su n. votanti)
Voti nulli 1.514 0,29% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  503.879 97,06%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 15.244 2,94%
Totale voti validi 519.123 100%

Decimo quesito[modifica | modifica wikitesto]

Riduzione a cinquanta del numero dei componenti del Consiglio regionale. Consultazione.

totale percentuale (%)
Elettori 1.479.925  
Votanti 525.537 35,51% (su n. elettori) Quorum raggiunto
Schede bianche 2.849 0,54% (su n. votanti)
Voti nulli 1.328 0,25% (su n. votanti)
contestate e non assegnate 0 0,00% (su n. votanti)
Voti %
RISPOSTA AFFERMATIVA Si  512.321 98,28%
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 8.992 1,72%
Totale voti validi 521.313 100%

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Referendum: domenica al voto 1.480.366 sardi-Regione Autonoma della Sardegna, su www.regione.sardegna.it. URL consultato il 15 maggio 2017.
  2. ^ Affluenza definitiva, su regionesardegna.it.
  3. ^ Risultati - Regione Autonoma della Sardegna

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]