Reazione di Arthus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In immunologia, la reazione Arthus è un tipo III reazione di ipersensibilità . Le reazioni di ipersensibilità di tipo III sono causate da immunocomplessi e comportano la deposizione di complessi antigene / anticorpo principalmente nelle pareti vascolari , sierose ( pleura, pericardio, sinovia ) e glomeruli. Questa reazione si incontra solitamente in contesti sperimentali dopo l'iniezione di antigeni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La reazione di Arthus fu scoperta da Nicolas Maurice Arthus nel 1903.[1] Arthus iniettò ripetutamente siero cavallo per via sottocutanea nei conigli, osservando che, dopo quattro iniezioni, si era creato edema e che il siero veniva assorbito lentamente e che, dopo ulteriori iniezioni, si arrivava alla gangrena.

Processo[modifica | modifica wikitesto]

La reazione di Arthus comporta la formazione in situ di complessi antigene/anticorpo dopo l'iniezione intradermica di un antigene. Se il soggetto è stato precedentemente sensibilizzato (ha anticorpi circolanti), si verifica una reazione di Arthus. Tipico della maggior parte dei meccanismi dell'ipersensibilità di tipo III, Arthus si manifesta come vasculite locale dovuta alla deposizione di immunocomplessi a base di IgG nei vasi sanguigni dermici. L'attivazione del complemento si traduce principalmente nella scissione delle proteine solubili del complemento che formano C5a e C3a, che attivano il reclutamento di PMN e la degranulazione locale dei mastociti (che richiede il legame del complesso immunitario su FcγRIII[2]), con conseguente risposta infiammatoria. Un'ulteriore aggregazione dei processi correlati agli immunocomplessi induce una necrosi fibrinoide locale con trombosi che aggrava l'ischemia nelle pareti dei vasi tissutali.[3] Il risultato finale è un'area localizzata di arrossamento e indurimento che in genere dura circa un giorno.

Le reazioni di Arthus sono state riportate raramente dopo vaccinazioni contenenti difterite e tossoide tetanico. La descrizione del CDC:

Le reazioni di Arthus (reazioni di ipersensibilità di tipo III) sono riportate raramente dopo la vaccinazione e possono verificarsi dopo vaccini contenenti tossoide tetanico o difterico. Una reazione di Arthus è una vasculite locale associata alla deposizione di immunocomplessi e all'attivazione del complemento. Gli immunocomplessi si formano in presenza di un'elevata concentrazione locale di antigeni vaccinali e di un'elevata concentrazione di anticorpi circolanti. Le reazioni di Arthus sono caratterizzate da forte dolore, gonfiore, indurimento, edema, emorragia e occasionalmente da necrosi. Questi sintomi e segni di solito si manifestano 4-12 ore dopo la vaccinazione. L'ACIP ha raccomandato che le persone che hanno manifestato una reazione di Arthus dopo una dose di vaccino contenente tossoide tetanico non dovrebbero ricevere Td più frequentemente di ogni 10 anni, anche per la profilassi del tetano come parte della gestione della ferita.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Injections répétées de serum du cheval chez le lapin, Comptes rendus des séances de la Société de biologie et de ses filiales, Paris, 55 (1903), 817–820.
  2. ^ Peter Parham, 12, in The Immune System, 3rdª ed., New York, NY, Garland Science, 2009, p. 390.
  3. ^ Vinay Kumar, Abbas, A.K. e Fausto, N., 6, in William Schmitt (a cura di), Robbins and Cotran Pathologic Basis of Disease, 8thª ed., Philadelphia, Saunders Elsevier, 2010, p. 205.
  4. ^ Preventing Tetanus, Diphtheria, and Pertussis Among Adolescents: Use of Tetanus Toxoid, Reduced Diphtheria Toxoid and Acellular Pertussis Vaccines, K. R. Broder et al., MMWR Recommendations and Reports, March 24, 2006 / 55(RR03), 1–34, page 18.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]