Rattus colletti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rattus colletti
Immagine di Rattus colletti mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Rattus
Specie R.colletti
Nomenclatura binomiale
Rattus colletti
Thomas, 1904

Rattus colletti (Thomas, 1904) è un roditore della famiglia dei Muridi endemico dell'Australia[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Roditore di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 120 e 200 mm, la lunghezza della coda tra 95 e 150 mm, la lunghezza del piede tra 28 e 33 mm, la lunghezza delle orecchie tra 17 e 21 mm e un peso fino a 215 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è ruvida e spinosa. Le parti superiori sono marroni, cosparse di peli grigi e giallastri, i fianchi e la gola sono giallognoli, mentre le parti inferiori sono giallo-grigiastre chiare. Le orecchie sono piccole e marroni scure. Il muso è allungato. Il dorso dei piedi e bruno, le piante sono nerastre. La coda è più corta della testa e del corpo, uniformemente grigio scura o nerastra, cosparsa di pochi piccoli peli nerastri e rivestita da 11 anelli di scaglie per centimetro. Le femmine hanno 6 paia di mammelle. Il cariotipo è 2n=42 FN=60.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

È una specie terricola e notturna. Durante la stagione piovosa si rifugia in zone alte dove costruisce tane superficiali. Quando le acque si ritirano invade le aree inondate, costruendo buche nel terreno argilloso.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre principalmente di chicchi di grano e steli d'erba.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

La riproduzione avviene a partire dalla fine della stagione piovosa, marzo-aprile, all'inizio di quella secca, a luglio. Le femmine danno alla luce più di 9 piccoli alla volta.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nelle pianure costiere del Territorio del Nord.

Vive in associazione alle pianure alluvionali lungo i fiumi e prive di alberi.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione numerosa e la presenza in diverse aree protette, classifica R.colletti come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Woinarski, J. & Oakwood, M. 2008, Rattus colletti, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Rattus colletti, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Menkhorst & Knight, 2001.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Menkhorst & Frank Knight, A Field Guide to the Mammals of Australia, Oxford University Press, USA, 2001, ISBN 9780195508703.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi