Raimondo Craveri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Raimondo Craveri (Napoli, 1912Roma, 16 ottobre 1992) è stato uno storico, politico e antifascista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Genero di Benedetto Croce (avendone sposato la figlia Elena), fu tra i fondatori del Partito d'Azione.

Durante il fascismo fu assunto da Raffaele Mattioli con altri intellettuali e politici - tra cui Carlo Emilio Gadda e Ugo La Malfa - nell'ufficio studi della Banca Commerciale Italiana.

Dopo l'8 settembre 1943, è a Salerno, dove, con Alberto Tarchiani e Alberto Cianca, e con l'avallo di Croce, tenta di dare vita a iniziative di fiancheggiamento tra Resistenza italiana ed esercito angloamericano.

Nel dopoguerra fonda la rivista Lo spettatore italiano[1].

Dal suo matrimonio con Elena Croce sono nati i figli Piero e Benedetta.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra i suoi numerosi libri si segnala il Voltaire: politico dell'illuminismo (Torino, Einaudi, 1937), primo storico numero della collana "Saggi".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN27023 · ISNI: (EN0000 0000 2580 062X · BNF: (FRcb12035160d (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie