QwaQwa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
QwaQwa
QwaQwa – Bandiera QwaQwa - Stemma
Dati amministrativi
Lingue parlate sesotho
Capitale Phuthaditjhaba
Dipendente da Sudafrica Sudafrica
Politica
Forma di governo Bantustan
Nascita 1974
Fine 1994
Territorio e popolazione
Popolazione 157 620 nel 1980
Varie
TLD .za
Prefisso tel. +27
Sigla autom. ZA
Evoluzione storica
Preceduto da Sudafrica Sudafrica
Succeduto da Sudafrica Sudafrica
Ora parte di Sudafrica Sudafrica

QwaQwa è stato un bantustan (chiamato anche homeland), nella parte orientale del Sudafrica e fu concepita per segregare gli abitanti di lingua sesotho.[1] La sua capitale è stata Phuthaditjhaba.

Fu creata come entità autonoma il 1º novembre 1974 e fu riunita al Sudafrica il 27 aprile 1994 insieme ad altre nove homeland.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ former nonindependent Bantustan, Orange Free State, South Africa, designated for the southern Sotho (often called Basuto) people in http://www.britannica.com/EBchecked/topic/487774/Qwaqwa