Quadripolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rappresentazione di un quadripolo

In elettrotecnica il quadripolo o rete due porte è una rete accessibile da due coppie di morsetti e di cui interessa solo il comportamento esterno (rappresentazione agli effetti esterni). L'analisi dei quadripoli fu iniziata nel 1920 da un matematico tedesco, Franz Breisig.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si distingue nel quadripolo la coppia di morsetti d'ingresso, dove vi è l'ingresso del segnale, e la coppia di morsetti d'uscita da dove il segnale fuoriesce.

Nello schema del quadripolo è possibile notare la porta d'ingresso e la porta d'uscita. Alla porta d'ingresso è presente una differenza di potenziale v_i e entra una corrente i_i. Alla porta d'uscita è presente una d.d.p. v_u ed esce una corrente i_u.

Accade a volte che uno dei terminali di uscita del quadripolo e uno dei terminali d'ingresso, coincidano con lo stesso punto elettrico (in gergo tecnico si dice che sono comuni). In tal caso il quadripolo assume il nome di tripolo o Doppio bipolo.

Un quadripolo può essere definito come quadripolo attivo oppure come quadripolo passivo. Nel primo caso vi sono i quadripoli che contengono dei generatori di corrente o di tensione al loro interno. Nel secondo caso vi sono i quadripoli sprovvisti di generatori.

Parametri fondamentali[modifica | modifica sorgente]

Un quadripolo viene caratterizzato da una serie di parametri fondamentali.

Il guadagno di tensione è definito come il rapporto tra la tensione d'uscita e la tensione d'ingresso. È quindi espresso come: A_v=\frac{v_u}{v_i}; Essendo il rapporto tra due tensioni, tale numero risulta adimensionale (privo di unità di misura).

Il guadagno di corrente è definito come il rapporto tra la corrente di uscita e la corrente d'ingresso. È quindi pari a: A_i=\frac{i_u}{i_i}; È il rapporto tra due correnti, e rappresenta quindi un numero adimensionale.

La resistenza d'ingresso è definita come il rapporto tra la tensione in ingresso e la corrente in ingresso. È pari quindi a: R_i=\frac{v_i}{i_i}; È il rapporto tra una tensione e una corrente, perciò si misura in \Omega;

La resistenza d'uscita è definita come il rapporto tra la tensione in uscita e la corrente in uscita. È pari quindi a: R_u=\frac{v_u}{i_u}; È il rapporto tra una tensione e una corrente, perciò si misura in \Omega;

Collegamento di quadripoli[modifica | modifica sorgente]

I quadripoli possono essere connessi in cascata, con le entrate e le uscite in serie, oppure in parallelo, con le entrate in serie e le uscite in parallelo o viceversa.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]