Provincia di Xaisomboun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Xaisomboun
Provincia
ໄຊສົມບູນ
Localizzazione
StatoLaos Laos
Amministrazione
CapoluogoBan Mouang Cha
Data di istituzione13 dicembre 2013
Territorio
Coordinate
del capoluogo
18°49′01.2″N 103°05′09.6″E / 18.817°N 103.086°E18.817; 103.086 (Xaisomboun)Coordinate: 18°49′01.2″N 103°05′09.6″E / 18.817°N 103.086°E18.817; 103.086 (Xaisomboun)
Superficie4 506[1] km²
Abitanti85 168[2] (2015)
Densità18,9 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+7
ISO 3166-2LA-XS
Cartografia
Xaisomboun – Localizzazione

La provincia di Xaisomboun; oppure Saysomboun (lao ໄຊສົມບູນ) è una provincia del Laos centrale con capoluogo il distretto di Anouvong. Nel 2015, contava su una popolazione di 85 168 abitanti distribuiti su una superficie di 4 506 km², per una densità di 18,9 ab./km².

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In precedenza vi era stato il distretto speciale (khetphiset) di Xaisomboun, livello amministrativo equiparato a quello delle province, creato nel 1994 con la fusione di una parte della provincia di Vientiane ed una parte di quella di Xiangkhoang. Il distretto venne dissolto il 13 gennaio del 2006 ed il suo territorio fu ridistribuito tra le province di Vientiane e Xiangkhoang. La provincia fu istituita nel 2013, nuovamente con territori provenienti dalle province di Vientiane e Xiangkhoang.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

La provincia di Attapeu è suddivisa nei seguenti cinque distretti (in lao: ເມືອງ, trasl.: muang):

Codice Nome traslitterato
del distretto
Nome lao
18-01 Muang
Anouvong
ເມືອງອະນຸວົງ
18-02 Muang
Longchaeng
ເມືອງລ້ອງແຈ້ງ
18-03 Muang
Longxan
ເມືອງລ້ອງຊານ
18-04 Muang
Hom
ເມືອງຮົ່ມ
18-05 Muang
Thatom
ເມືອງທ່າໂທມ
 
I distretti (muang) della provincia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Results of Population and Housing Census 2015 (PDF), su lao.unfpa.org, p. 105. URL consultato il 19 aprile 2017.
  2. ^ (EN) Results of Population and Housing Census 2015 (PDF), su lao.unfpa.org, p. 105. URL consultato il 19 aprile 2017.