Porcellana di Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gruppo centrotavola, 1785 circa

La porcellana di Este è una porcellana prodotta fra il 1765 e la fine del Settecento in alcune fabbriche della città di Este.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La produzione di porcellana a Este fu impiantata da artigiani provenienti dalla manifattura delle Nove.

Nel 1765 Giovanni Battista Brunello cominciò a produrre porcellane a pasta tenera nella sua manifattura di maioliche al ponte della Girometta, avvalendosi di lavoranti che aveva trasferito clandestinamente dalla fabbrica delle Nove. E perciò subì un processo. Morì nel 1778.

Nel 1778 l'orafo e scultore Gerolamo Franchini fondò una manifattura di porcellana in Borgo Schiavin e prese come socio il modellatore francese Jean-Pierre Varillon (italianizzato in Giovanni Pietro Varion). La manifattura eccelleva nel modellato di stile rococò[1], in cui realizzava figurine e gruppi centrotavola.

Nel 1780 o 1781 Varion morì e dopo pochi anni Franchini smise di produrre porcellana, ma la manifattura proseguì come fabbrica di ceramica e maiolica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eileen Aldridge, Porcelain, The Hamlyn Publishing Group, Londra, 1969 (trad. it. La porcellana, Milano, Mondadoei, 1970)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eileen Aldridge, Porcelain, The Hamlyn Publishing Group, Londra, 1969 (trad. it. La porcellana, Milano, Mondadori, 1970)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]