Ponte dello sceicco Zayed

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ponte dello sceicco Zayed
Sheikh Zayed Bridge - Abu Dhabi, UAE.jpg
Localizzazione
Stato Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Città Abu Dhabi
Attraversa Canale di Maqtah
Coordinate 24°25′25.77″N 54°29′09.63″E / 24.423824°N 54.486008°E24.423824; 54.486008Coordinate: 24°25′25.77″N 54°29′09.63″E / 24.423824°N 54.486008°E24.423824; 54.486008
Dati tecnici
Tipo ponte ad arco
Materiale Calcestruzzo armato precompresso
Lunghezza 842 m
Realizzazione
Progettista Zaha Hadid Architects
Costruzione 2007-2010
Mappa di localizzazione

Il ponte dello sceicco Zayed è un ponte ad arco ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti. Prende il nome dal principale architetto del paese ed ex presidente, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan, lungo 842 metri è candidato ad essere il più intricato ponte ad essere mai stato costruito. Il suo design curvo evoca le onde delle dune del deserto.

Le caratteristiche del ponte sono - oltre alla sua straordinaria architettura - un progetto di illuminazione dinamica, basata su colori tenui che si trovano sul ponte, a simbolizzare la connessione della natura del ponte e l'energia che la capitale, Abu Dhabi, emana.[1]

Il ponte è la terza strada che connette la terraferma con l'isola di Abu Dhabi ed il nuovo principale ingresso sul canale di Maqtah. Il ponte è stato progettato dall'architetto Zaha Hadid.[2]

Contributi[modifica | modifica wikitesto]

  • Architettura: Zaha Hadid
  • Design delle luci: Rogier van der Heide all'Hollands Licht
  • Design strutturale: High-Point Rendel
  • Ingengneri edili: Buckland & Taylor Ltd.
  • Ingegneria geotecnica: DME Geotech
  • Contraente: Archirodon Group N.V.
  • Sottocontraente: FIP Industriale S.p.A.
  • Prestressing: VSL International
  • Messa in funzione dell'illuminazione sul campo: Arup e Martin Pro Middle East

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A holistic approach to lighting lets Sheikh Zayed Bridge (Abu Dhabi) shine, Rogier van der Heide, 26 febbraio 2011. URL consultato il 27 maggio 2013.
  2. ^ Architecture: Sheikh Zayed Bridge, Zaha Hadid Architects. URL consultato il 27 maggio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]