Ponte dei Trepponti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ponte dei Trepponti
Gate to Comacchio.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàComacchio
Coordinate44°41′34.74″N 12°10′59.84″E / 44.692984°N 12.18329°E44.692984; 12.18329Coordinate: 44°41′34.74″N 12°10′59.84″E / 44.692984°N 12.18329°E44.692984; 12.18329
Dati tecnici
Tipoponte ad arco
Materialelaterizio e pietra d'Istria
Realizzazione
ProgettistaLuca Danese
Costruzione1638-...
Mappa di localizzazione

Il complesso architettonico dei Trepponti, conosciuto anche come Ponte Pallotta, è il più noto ponte di Comacchio nonché il suo monumento più rappresentativo. Esso è ubicato lungo l'antico canale navigabile Pallotta che conduceva al mare Adriatico ed era la porta fortificata della città.

Fu costruito nel 1638 per volere del cardinale legato Giovanni Battista Maria Pallotta e l'incarico fu affidato all'architetto ravennate Luca Danese, impegnato negli stessi anni in una più generale opera di riqualificazione urbanistica di Comacchio, che per decenni era stata abbandonata dagli estensi alle incursioni veneziane. Venne innalzato dal cappuccino Giovanni Pietro da Lugano e si compone di cinque ampie scalinate in laterizio che culminano in un rialzo in pietra d'Istria. Al di sotto del suo unico arco termina il canale navigabile Pallotta che si distribuisce all'interno del centro storico sino a formare quattro diversi canali detti Salara, Sant'Agostino, Borgo e San Pietro[1]. Nel corso dei secoli il manufatto subì diversi interventi di modifica del suo assetto, soprattutto di valore estetico[2], testimoniati dall'aggiunta delle due torrette di guardia in cima alle due scalinate posteriori e dei sei pilastrini posti alla sommità delle tre scalinate anteriori.

Su una delle due torri fortificate è posta una lapide che riporta la seguente definizione di Comacchio:

« Come il pesce colà dove impaluda / ne i seni di Comacchio il nostro mare, / fugge da l'onda impetuosa e cruda / cercando in placide acque ove ripare, / e vien che da se stesso ei si rinchiuda / in palustre prigion né può tornare, / che quel serraglio è con mirabil uso / sempre a l'entrare aperto, a l'uscir chiuso. »

(Torquato Tasso, Gerusalemme liberata, VII, 46)

Nei pressi dei Trepponti si trova anche un altro ponte di Luca Danese, chiamato Ponte degli Sbirri in virtù della sua vicinanza alle antiche carceri cittadine.

Comacchio, Trepponti (01).jpg

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]