Pietro Damini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pietro Damini (Castelfranco Veneto, 1592Padova, 28 luglio 1631) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il ritrovamento del pozzo dei Martiri, Basilica di Santa Giustina, Padova.

Esponente del tardo Rinascimento, fu allievo di Giovanni Battista Novelli. Dimostrò una precoce abilità, ma ha sperimentato vari stili, ora naturalista, ora idealista, ora imitatore del Tiziano.

Tra i suoi lavori, Cristo consegna le chiavi a San Pietro per la chiesa di San Clemente a Padova, la Crocifissione per la basilica di Sant'Antonio e Il ritrovamento del pozzo dei Martiri, pala che orna l'altare in fondo al Corridoio dei Martiri nella Basilica di Santa Giustina. A Telgate, nella parrocchiale è presente il Battesimo di Cristo. Nel duomo di Asolo vi è la pala di San Prosdocimo con san Nicola.

Nel duomo di Loreo, in Polesine, si trova una sua pala d'altare recante il Miracolo della Madonna del Rosario che salva una donna dal marito geloso.

Morì durante la peste del Seicento. I suoi fratelli Giorgio e Damina furono pure pittori.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Farquhar, Biographical catalogue of the principal Italian painters, a cura di Ralph Nicholson Wornum, Woodfall & Kinder, Angel Court, Skinner Street, London; Digitized by Googlebooks from Oxford University copy on Jun 27, 2006, 1855, page 53.
  • Pietro Damini (1592-1631) : pittura e Controriforma, a cura di Davide Banzato e Pier Luigi Fantelli, Electa, Milano, [1993].
  • Giovanna Nepi Scirè, Damini in Dizionario biografico degli italiani, vol. 32, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1986. URL consultato il 14 agosto 2012.
  • Ernst Gombrich - Dizionario della Pittura e dei Pittori - Einaudi Editore (1997)
  • Enrico Bonafè, La Confraternita della SS. Trinità, nel contesto della "venezianità" di Loreo, Editrice nuova Scintilla, Chioggia, 2014, ISBN 987-88 89656-15-0
Controllo di autorità VIAF: (EN817643 · ISNI: (EN0000 0000 8080 6573 · ULAN: (EN500001557