Piastra eutettica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piastra eutettica

La piastra eutettica, nota anche come carica del ghiaccio, ghiaccino, ghiacciolino, siberina, polaretto, freezerino, panetto del ghiaccio, saponetta del ghiaccio o mattonella di ghiaccio, è un contenitore in plastica chiuso (generalmente blu) al cui interno vi è un liquido (acqua e glicole o altre miscele) che, dopo il congelamento, viene usato per mantenere a bassa temperatura frigoriferi portatili, borse termiche e simili.

Questa soluzione ha rapidamente soppiantato il tradizionale ghiaccio per questo compito, avendo il notevole vantaggio di non disperdere liquido quando si riscalda.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Le piastre eutettiche contengono una miscela, liquida a temperatura e pressione ambiente (20 °C, 1 atmosfera) e solida a temperatura un po' inferiore ad essa. La miscela inoltre ha delle caratteristiche simili a quelle dell'acqua: elevato calore specifico e passaggio di stato ad una temperatura di circa 0 °C (a pressione ambiente), tali caratteristiche sono quelle necessarie al funzionamento delle piastre eutettiche come "accumulatori di freddo": se messi in congelatore essi impiegano un tempo piuttosto lungo per arrivare ad una temperatura "circa uguale" a quella del congelatore (ad es. -18 °C) in quanto la quantità di calore (energia) che devono cedere è elevata (a parità di massa un blocco ad esempio di ferro alla stessa temperatura iniziale - ad es. 20 °C - cederebbe una quantità di calore molto inferiore per arrivare alla stessa temperatura finale - ad es. -18 °C - anche perché in tale intervallo di temperatura la sostanza contenuta nelle piastre eutettiche cambia di stato (da liquido a solido), liberando un ulteriore calore latente senza cambiare la propria temperatura).

Una volta raggiunta (o quasi) la temperatura del congelatore, posti in un ambiente a temperatura superiore esse sono in grado di assorbire ovviamente una elevata quantità di calore (energia) prima di arrivare a temperatura ambiente, garantendo quindi il mantenimento, in un contenitore adeguatamente isolato, di una temperatura sensibilmente inferiore di quella ambiente per un tempo almeno altrettanto lungo a quello necessario per il suo raffreddamento.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]