Pianeta esterno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moto retrogrado apparente di Marte nel 2003 visto dalla Terra (simulazione realizzata con Stellarium).

Sono detti pianeti esterni o superiori i pianeti del sistema solare che orbitano oltre l'orbita della Terra.[1] Sono pertanto considerati pianeti esterni Marte, Giove, Saturno, Urano e Nettuno.[2]. I pianeti esterni, a differenza dei pianeti interni, presentano sempre tutto il disco illuminato, se visti dalla Terra.

Talvolta sono indicati come pianeti esterni i pianeti che orbitano oltre la fascia principale, in analogia alla definizione del sistema solare esterno.[3] In questa accezione, prevalente nella letteratura scientifica in inglese (tradotta come outer planet), l'espressione viene utilizzata come sinonimo di pianeta gigante; Marte quindi non è considerato un pianeta esterno.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I pianeti, Sapere.it. URL consultato l'11 agosto 2015.
  2. ^ Pianeta esterno, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato l'11 agosto 2015.
  3. ^ Giuseppe Armellini, I fondamenti scientifici della astronomia, 2ª ed., U. Hoepli, 1952, p. 209.
  4. ^ Pianeta, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]