Perry Mason e le zampe di velluto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Perry Mason e le zampe di velluto
Titolo originaleThe Case of the Velvet Claws
AutoreErle Stanley Gardner
1ª ed. originale1933
GenereRomanzo
Sottogeneregiallo
Lingua originaleinglese

Perry Mason e le zampe di velluto (The Case of the Velvet Claws) è il primo romanzo dedicato al personaggio di Perry Mason, scritto da Erle Stanley Gardner nel 1933. La prima edizione italiana del romanzo è apparsa nella collana i Libri gialli della Mondadori nel novembre 1937.

Dal libro è stato tratto nel 1936 il film L'uomo ucciso due volte diretto dal regista William Clemens.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Perry Mason, avvocato che si autodefinisce "un lottatore", riceve la visita di Eva Griffin, una donna piuttosto ambigua che gli chiede di mettere a tacere, pagando, il "Citizen", un giornale scandalistico che potrebbe rivelare un suo coinvolgimento sentimentale con un noto uomo politico, Harrison Burke. Mason scopre che Eva Griffin è un nome falso e che la donna è sposata con George Belter, uomo di affari di successo il quale è anche il proprietario segreto del "Citizen". In una notte di pioggia, Mason viene chiamato al telefono da Eva che gli dichiara di aver sentito una lite tra il marito e un uomo che poi gli ha sparato, uccidendolo.

La voce dell'uomo che lei non ha visto, somiglia in tutto a quella di Mason. Anzi, continua la donna, è sicura che fosse proprio lui. L'avvocato chiama la polizia e si attiene alla versione della donna, proibendole però di accennare alla supposta somiglianza vocale. Gli eredi di Belter risultano essere in minima parte Eva, ma, soprattutto, il nipote Charles Griffin, un giovane che passa le serate in maniera allegra in giro per i locali notturni.

L'uomo non ha un alibi, però è uscito nel pomeriggio ed è rientrato a notte inoltrata a delitto già avvenuto, completamente ubriaco e con una gomma a terra. Mason, nel corso delle indagini per mettere al sicuro la sua cliente, che protegge in tutti i modi anche se questa lo coinvolge sempre di più nella storia in modo sleale, accusandolo davanti ai giornalisti di essere lui l'uomo dello sparo, scopre che Charles Griffin è ricattato dalla governante di casa, che vuole fargli sposare sua figlia in cambio del suo silenzio.

Mason, dapprima, riesce a far confessare a Eva che è stata proprio lei a sparare al marito, inventandosi la storia della visita notturna di un uomo misterioso. E che poi, buttata per terra la rivoltella, è corsa fuori di casa nella notte, imbastendo velocemente una storia verosimile per potersi creare una difesa. Ma che, in realtà, non è riuscita a colpire il marito. Il quale, durante l'assenza della moglie, è stato raggiunto dal nipote, rientrato a casa, gli ha raccontato l'episodio e gli ha mostrato la posizione da cui Eva gli ha sparato: questi, approfittando della situazione insperata, visto che sapeva di essere l'erede dello zio, ha preso la rivoltella e gli ha sparato. Poi ha recuperato la pallottola di Eva, ha lasciato tutto come prima ed è uscito con l'auto, si è ubriacato, ha forato una gomma ed è tornato a casa molto tardi.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • "Perry Mason, avvocato. Ricordatevi questo nome. Lo sentirete di nuovo. Sta per diventare famoso." Scritta da Gardner, questa frase introduceva un nuovo personaggio, l'avvocato Perry Mason, la cui prima avventura viene raccontata in "Perry Mason e le zampe di velluto", in cui appaiono i personaggi della segretaria Della Street e dell'investigatore Paul Drake, che accompagneranno Mason nei suoi casi a venire.