Pendolo di Kater

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il pendolo originale di Kater nel 1818. Il mirino a sinistra venne utilizzato per evitare l'errore di parallasse durante la misurazione del periodo.

Il pendolo di Kater è un pendolo reversibile a libera oscillazione ideato nel 1817 dal geodeta britannico Henry Kater. Lo strumento venne realizzato per l'utilizzo come gravimetro allo scopo di misurare l'accelerazione di gravità. Il vantaggio è che, a differenza dei precedenti pendoli gravimetri, non è necessario determinare il baricentro e il centro di oscillazione del pendolo stesso, permettendo così una maggiore accuratezza. Per circa un secolo, fino agli anni trenta, il pendolo di Kater e le sue successive versioni sono stati lo strumento principale per misurare la forza di gravità terrestre nell'ambito dello studio della geodesia. Ad oggi lo strumento è utilizzato per dimostrare i princìpi di oscillazione del pendolo semplice.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il pendolo di Kater può essere utilizzato per misurare l'accelerazione di gravità g in quanto il suo periodo di oscillazione T dipende solo su g e sulla lunghezza L:[1]

Il pendolo di Kater consiste in una barra di metallo rigida con due perni, ognuno di essi posizionato vicino alle estremità della barra.[2] Lo strumento possiede sia un peso regolabile che può essere spostato su e giù per la barra, sia un perno registrabile, per regolare i periodi di oscillazione. Il peso mobile viene regolato in maniera tale da equalizzare i periodi. A questo punto, il periodo T è uguale al periodo di un pendolo semplice di lunghezza pari alla distanza tra i perni. Dal periodo e dalla distanza L misurata tra i perni, l'accelerazione di gravità può essere calcolata con precisione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Simple pendulum, Department of Physics and Astronomy of Georgia State University. URL consultato il 24 marzo 2017.
  2. ^ Elias Loomis, Elements of Natural Philosophy, 4ª ed., New York, Harper & Brothers, 1864, p. 109.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Meccanica Portale Meccanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di meccanica