Partito Nazionale Democratico (Egitto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Partito Nazionale Democratico
الحزب الوطنى الديمقراطى
Leader Anwar al-Sadat (1978-1981)
Hosni Mubarak (1981-2011)
Talaat Sadat (2011)
Stato Egitto Egitto
Fondazione 2 ottobre 1979
Dissoluzione 16 aprile 2011
Sede Il Cairo
Ideologia Partito pigliatutto:
Autoritarismo
Nazionalismo egiziano
Socialdemocrazia
Corporativismo sociale<
Centrismo
Collocazione Centro-sinistra a Centro
Affiliazione internazionale Internazionale Socialista (espulso nel 2011)
Sito web ndp.org

Il Partito Nazionale Democratico dell'Egitto (PND) (in arabo: الحزب الوطنى الديمقراطى , al-Hizb al-Watanī al-Dīmuqrātī , spesso chiamato per antonomasia الحزب (al-Hizb, "il Partito"), è stato un partito politico egiziano, de facto partito unico, istituito nel 1978 dal defunto presidente Anwar al-Sadat, che ha guidato questa formazione politica fino al 1981. Dopo il suo assassinio, è stato presieduto dal presidente Hosni Mubarak, con la fine del suo regime il partito si è sciolto.

Il partito era di stampo socialdemocratico e si schierava a sinistra del Partito el-Ghad (liberale e centrista), il PND ha fatto parte dell'Internazionale Socialista fino alla sua espulsione avvenuta il 31 gennaio 2011[1], cioè pochi giorni prima che il leader del partito, il presidente Mubārak fosse costretto alle dimissioni a causa delle sommosse popolari estese nel paese.

Mubārak è stato il candidato del partito per le elezioni presidenziali dirette nel 2005 e ha vinto la competizione elettorale ottenendo un quinto mandato presidenziale, ufficialmente con l'88,6% delle preferenze.

Le manifestazioni di massa cominciate il 26 gennaio 2011 hanno messo quasi subito sotto accusa non solo la gestione autocratica trentennale del Presidente della Repubblica, ma anche il PND, il cui Segretario Generale, Ahmad ʿEzz, si è dovuto dimettere il 29 gennaio dalla guida del partito di governo egiziano.

Con la fine del regime di Mubarak il partito si è sciolto, diversi suoi ex-membri si sono presentati alle elezioni politiche del novembre 2011 in liste e partiti minori riscuotendo però scarso successo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.socialistinternational.org/images/dynamicImages/files/Letter%20NDP.pdf

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

socialismo Portale Socialismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di socialismo