Parrocel (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La famiglia Parrocel fu una dinastia di pittori ed incisori francesi, proveniente originariamente da Montbrison nella regione della Loira, particolarmente prolifica, producendo, a partire dal XVI secolo, quattordici pittori in sei generazioni.

Il capostipite Georges nacque e morì a Montbrison, mentre il figlio Barthélemy, nato a Montbrison, si trasferì a Brignoles, dove nacquero i suoi figli. Questi fu il primo pittore della dinastia, nonostante fosse destinato ad una carriera ecclesiastica, discendendo da un'eminente famiglia di Montbrison[1].

Le figure più di rilievo della famiglia operarono nel XVII e XVIII secolo: Joseph Parrocel e suo figlio Charles Parrocel furono notevoli pittori di battaglie e scene di caccia, il nipote di Joseph, Pierre Parrocel, fu un prolifico pittore di soggetti a tema religioso, come fu pure suo nipote ed allievo Étienne Parrocel, che trascorse la sua vita lavorativa a Roma.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Capostipite[modifica | modifica wikitesto]

Georges Parrocel
(1540-1614 c.)
?
Barthélemy Parrocel
(1595-1660)
Catherine Simon
Jean Barthélemy
o Jehan Parrocel
(1631-1653)
Louis Parrocel
(1634-1694)
Joseph Parrocel
(1646-1704)

Barthèlemy ebbe altri quattro figli: un maschio (terzogenito) e tre femmine che non si dedicarono all'arte della pittura.

Ramo di Louis Parrocel[modifica | modifica wikitesto]

Louis Parrocel
(1634-1694)
Dorothèe
de Rostang
Ignace Jacques Parrocel
(1667-1722)
Louis Parrocel
(1668-1693)
Pierre Parrocel
(1670-1739)
Jean Baptiste Parrocel
(1672-?)

I figli Louis e Jean Baptiste non si dedicarono all'arte della pittura.

Ramo di Joseph Parrocel[modifica | modifica wikitesto]

Joseph Parrocel
(1646-1704)
Charles Parrocel
(1688-1752)
Jean Joseph Parrocel
(1690-1774)

Joseph Parrocel ebbe molti figli, ma solo i due citati si distinsero nelle arti e nelle scienze: Charles fu pittore ed incisore, mentre Jean Joseph fu disegnatore e poi ingegnere.

Ramo di Ignace Jacques Parrocel (figlio di Louis)[modifica | modifica wikitesto]

Ignace Jacques Parrocel
(1667-1722)
Jeanne Marie Périer
Marie Constantin
Jean Louis Parrocel
(1690-?)
Étienne Parrocel
(1696-1775)
Jean-Jacques
François Parrocel
(1721-1794)
Joseph Parrocel
de Tavel
(1723-1798)
Antoine Parrocel
(1724-?)
Joseph Grégoire
Parrocel
(1730-?)

Ignace Jacques ebbe in tutto dieci figli, di cui solo il quartogenito Étienne si distinse come pittore. Il figlio maggiore Jean Louis, negoziante, ebbe 7 figli, 4 maschi e 3 femmine. Di questi Joseph fu caporale delle guardie del corpo di Luigi XV e di Luigi XVI, divenne cavaliere di Sant Louis e acquisì il titolo di marchese de Tavel, Jean Jacques François fu priore di Chartreux a Valbonne, Antoine fu monaco e Joseph Grégoire mineralogista.

Ramo di Pierre Parrocel (figlio di Louis)[modifica | modifica wikitesto]

Pierre Parrocel
(1670-1739)
Marie Magdelein
de Palasse
Pierre Ignace Parrocel
(1702-1775)
Joseph François Parrocel
(1704-1781)

Pierre ebbe altri sei figli.

Ramo di Joseph François Parrocel (figlio di Pierre)[modifica | modifica wikitesto]

Françoise Lemarchand
Joseph François Parrocel
(1704-1781)
Christine Edwige Ally
Jeanne-Françoise
Pallas Parrocel
(1734-1829)
Marie Parrocel
(1744-1824)
Thérèse Parrocel
(1745-1835)
Jeannette Parrocel
(1747-1832)

Joseph François ebbe dalla prima moglie una figlia, Jeanne Françoise signora di Valrenseaux,che fu pittrice di fiori e animali[2]. Dalla seconda moglie inglese ebbe tre figlie: Marie (Marion), che fu pittrice di soggetti storici[3], Thérese che dipingeva miniature e Jeannette che non si dedicò all'arte della pittura.

Ramo di Jean Baptiste Parrocel (figlio di Louis) - discendenti del XVIII-XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Jean Baptiste Parrocel
(1672-?)
Pierre Véran Parrocel
(1705-1780)
Marie Anne Derbe
César Auguste Parrocel
(1737-1816)
Thérèse Liely
Etienne Véran Parrocel
(1761-1827)
Joseph Parrocel
Auguste César Parrocel
(1790-1851)
Joseph Parrocel
(?-1812)
Antoine Parrocel
(1792-?)
André-Pierre Véran Parrocel
(1796-?)
Étienne-Antoine Parrocel
(1817-1899)

In quest'ultimo ramo di discendenza non ci sono stati artisti di professione. L'ultimo discendente, Étienne-Antoine Parrocel, l'autore dei testi in bibliografia, fu in primo luogo un imprenditore e secondariamente fu uno storico dell'arte[4] ed un pittore[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]