Parco nazionale Braulio Carrillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco nazionale Braulio Carrillo
Parque Nacional Braulio Carrillo
BraulioCarrillo1.jpg
Tipo di areaParco nazionale
Codice WDPA165
Class. internaz.Categoria IUCN II: parco nazionale
StatoCosta Rica Costa Rica
ProvinciaProvincia di Heredia, Provincia di San José
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Costa Rica
Parco nazionale Braulio Carrillo
Parco nazionale Braulio Carrillo

Coordinate: 10°09′35.64″N 83°58′27.93″W / 10.1599°N 83.974425°W10.1599; -83.974425

Il parco nazionale Braulio Carrillo (in spagnolo "Parque Nacional Braulio Carrillo") è un parco nazionale della Costa Rica situato nell'interno del paese tra le provincie di Heredia e San Josè.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il parco copre un'area di oltre 50.000 ettari all'interno della Cordigliera Vulcanica Centrale tra i massicci dei vulcani Poás e Irazú e comprende i vulcani Barva e Cacho Negro. Il territorio è prevalentemente montuoso e caratterizzato da fitte foreste e profondi canyon nei quali scorrono numerosi corsi d'acqua.

L'altitudine massima è pari a 2906 m s.l.m. i vetta al vulcano Barva. A causa della sua morfologia molto varia le precipitazioni sono molto diverse all'interno del parco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il parco è stato istituito nel 1978 e successivamente ampliato nel 1986, nel 1991, nel 1995 fino a raggiungere la sua dimensione di 50.000 ettari nel 2015.

Prende il nome da quello di Braulio Carrillo Colina, capo dello stato del Costa Rica[1] tra il 1837 e il 1842.

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

Le foreste del parco sono costituite da oltre 6.000 specie di piante, la metà delle specie presenti del paese.

L'avifauna comprende 515 specie tra nidificanti e migratori. Tra di essi spiccano l'avvoltoio reale (Sarcoramphus papa), il campanaro dalle tre caruncole (Procnias tricarunculatus), il Myadestes melanops e il quetzal (Pharomachrus mocinno).

Tra i mammiferi si trovano alcuni primati come l'aluatta dal mantello (Alouatta palliata, il cebo cappuccino (Cebus capucinus) e l'atele di Geoffroy (Ateles geoffroyi). Vi si trovano inoltre il tapiro (Tapirus bairdii), il pecari labiato (Tayassu pecari), il tamandua meridionale (Tamandua tetradactyla). Non mancano alcuni predatori come il puma (Puma concolor), il giaguaro (Panthera onca) e il coyote (Canis latrans)[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Visiting Braulio Carrillo National Park, su costarica.org. URL consultato il 6 settembre 2020.
  2. ^ (EN) Braulio Carrillo National Park, su sinac.go.cr. URL consultato il 6 settembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]