Paramythiidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Paramythiidae
ParamythiaMontiumKeulemans.jpg
Paramythia montium
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Corvida
Famiglia Paramythiidae
Sclater, 1893
Generi

I Paramythiidae Sclater, 1893 sono una famiglia di uccelli appartenente all'ordine dei passeriformi[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le due specie ascritte alla famiglia appaiono piuttosto differenti fra loro, col beccabacche cincia che (come intuibile dal nome) ricorda una cincia con vivace colorazione gialla e nera e il beccabacche crestato che ricorda un beccofrusone dalla lunga coda e i colori vivaci, con caratteristica cresta erettile nera: nel primo caso si tratta di uccelletti di 12-14 cm di lunghezza, nel secondo caso la taglia si aggira attorno ai 19-22 cm.
Ambedue le specie presentano dimorfismo sessuale, con femmine dalla colorazione meno brillante, ed in ambedue le specie il dorso è di colore verde oliva e la coda è nero-bluastra.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è endemica della Nuova Guinea, della quale le due specie popolano la foresta nebulosa delle aree montane centrali.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Le due specie della famiglia presentano costumi di vita diurni ed arborei, passando la maggior parte del tempo nella canopia, da soli o in coppie, non di rado aggiungendosi a stormi misti con altre specie (coda a ventaglio, melifagidi, ifrita e uccelli del paradiso).

La dieta di questi uccelli è in massima parte frugivora, comprendendo però anche una piccola percentuale di insetti e di fiori.

Le abitudini riproduttive di questi uccelli sono in larga parte ignote: sicuramente ambedue le specie sono monogame e si riproducono a cavallo fra la fine della stagione delle piogge e la stagione secca, col nido che è una coppa di licheni intrecciati e viene costruito dalla sola femmina.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia comprende due generi monotipici[1]:

Famiglia Paramythiidae

La sistematica di questi uccelli è stata piuttosto travagliata: il beccabacche cincia veniva effettivamente ascritto ai Paridae, mentre il beccabacche crestato era classificato fra i beccafiori della famiglia Dicaeidae, dove in seguito anche la prima specie venne spostata. In seguito, le analisi del DNA hanno dimostrato la loro completa estraneità fra i beccafiori e questi uccelli, che sono stati prima inseriti nella neonata famiglia Melanocharitidae (anch'essa nata per scorporo dai Dicaeidae)[2] ed in seguito in una propria famiglia, facente parte del ramo basale della radiazione evolutiva australo-papuana dei Passeriformes[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Paramythiidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 6 maggio 2014.
  2. ^ Boyd JH, Paramythiidae, in Aves - A Taxonomy in Flux. URL consultato il 6 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli