Paolo Bernacca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Bernacca nel 2018.

Paolo Bernacca (Fivizzano, 12 settembre 1951) è un grafico, illustratore e pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Bernacca, dopo la laurea in Scienze politiche e il diploma in Industrial Design, nel 1977 inizia l’attività professionale nel campo del design di mobili e complementi d’arredo. Nel 1981 partecipa con Piero Daneo alla XVI Triennale di Milano, Raccolta del design: l'interno dopo la forma dell’utile.[1] Negli anni Ottanta collabora come grafico e illustratore per case editrici come la Giunti di Firenze e con periodici nazionali quali L’Espresso, Panorama, Linus, Il Globo, Reporter Fine Secolo, Repubblica. Le vignette pubblicate sull'inserto Satyricon de La Repubblica portano come firma lo pseudonimo BernH. Nei decenni successivi, insieme all'attività grafica professionale, Bernacca si avvicina alla ricerca artistica su forme naturali e architettoniche, in particolare quelle dei fari, condotta con tecniche pittoriche e assemblaggi di materiali lignei. Dal 2012 fa parte del gruppo Sketchcrawl Roma, dorsale romana del movimento di disegno en plein air, a mano libera e in gruppo.[2]

Nel 2020 ha fondato la casa editrice Bernacca Immagine, dedicata alla grafica d'autore, agli sketchbook e a testi illustrati.

Figlio del meteorologo Edmondo Bernacca, è fra i curatori dell’allestimento del Meteo Museo Edmondo Bernacca di Fivizzano.[3]

Lo stile[modifica | modifica wikitesto]

Nelle vignette e nelle illustrazioni di Bernacca, c'è l'incanto per la scuola francese, a metà fra la soavità di Folon e la cattiva incisività di Topor, si legge nell'articolo del critico Valerio Eletti: «nei suoi mobili c'è l'ironia della citazione post-modern», nelle sue illustrazioni «si affaccia la cultura del fumetto colto».[4]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Il computer da scrivere di Umberto Eco, illustrazioni di Paolo Bernacca, Supplemento al n. 45 dell'Espresso, Editoriale L'Espresso, 1981[5]
  • Il mondo è come un puzzle a cura di Stefano Scialotti, disegni di Paolo Bernacca, Armando Editore, Roma, 1998, ISBN 88-7144-852-9[6]
  • Fari di Paolo Bernacca, ed. Il Mare Libreria Internazionale, Roma, 2008[7]
  • Neoassunti. Dialoghi immaginari di Lorella Zauli, illustrazioni e vignette di Paolo Bernacca, Giunti Scuola, 2016[8][9]
  • Sketchbook Parioli Flaminio, illustrazioni e testi di Paolo Bernacca e Maurizio Moretti, Palombi Editori, Roma, 2017, ISBN 978-88-6060-791-1[10]
  • Sketchbook Garbatella, illustrazioni e testi di Paolo Bernacca e Maurizio Moretti, Bernacca Immagine, Roma, 2020, ISBN 978-88-945486-0-0
  • Sketchbook Eur, illustrazioni e testi di Paolo Bernacca e Maurizio Moretti, Bernacca Immagine, Roma, 2020, ISBN 978-88-945486-1-7
  • Sketchbook Ostia, illustrazioni e testi di Paolo Bernacca e Maurizio Moretti, Bernacca Immagine, Roma, 2020, ISBN 978-88-945486-2-4
  • Intervallo. Roma 2021. Illustrazioni di Paolo Bernacca, testi di Stefano Scialotti, Bernacca Immagine, Roma, 2021, ISBN 978-88-945486-3-1
  • Sketchbook Flaminio, illustrazioni e testi di Paolo Bernacca e Maurizio Moretti, Bernacca Immagine, Roma, 2020, ISBN 978-88-945486-4-8
  • Da 1 a 1. Un album dei primi Anni '80 disegnato da V'Eletti, Valerio Eletti, Bernacca Immagine, Roma, 2021, ISBN 978-88-945486-5-5
  • Sketchbook Da Coppedè alla Stazione Tiburtina, illustrazioni e testi di Paolo Bernacca e Maurizio Moretti, Bernacca Immagine, Roma, 2022, ISBN 978-88-945486-6-2
  • 26 lettere dal confine. Un gioco, un laboratorio, un lessico. AA.VV. Bernacca Immagine, Roma, 2022, ISBN 978-88-945486-7-9

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999: Gite al faro. I fari nella letteratura, mostra sulla nave oceanografica Bannock[11]
  • 2006 - 2009: Spazio culturale Pelagos, Big Blu Roma
  • 2009: Mostra itinerante Murphy&Nye, Roma, Firenze, Milano
  • 2009: Fari - Torri al confine tra il regno terrestre e quello marino, luogo privilegiato di osservazione, Roma, Libreria Internazionale Il Mare[12]
  • 2013: Pagine salate, Gaeta, Yatch Med Festival
  • 2013: Matite in Viaggio, Mestre, Centro Candiani
  • 2014: Segni di mare. Segni di terra, Ostia, Ex[de]pò
  • 2015: Sketching Casalpalocco, Libreria Origami Roma
  • 2017: Grande Arte a Parco Leonardo, Fiumicino[13]
  • 2019: Matite in Viaggio, Mestre, Centro Candiani
  • 2020: CuneoVualà, I racconti del taccuino, Fondazione Peano, Cuneo
  • 2022: Innocenti Evasioni, Biblioteca Elsa Morante, Ostia

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Vittoria Carloni, Se ne parla , in Casa Vogue, n. 110, settembre 1980
  • Valerio Eletti, Gli illustratori di Panorama, in Zoom. La rivista dell’immagine, n. 13, novembre 1981
  • Valerio Eletti, L’illustrazione da conoscere, in Zoom. La rivista dell’immagine, n. 18, aprile 1982
  • Daniela Onelli, Fari in cornice, in Metropolit la voce del Litorale, 28 gennaio 1995
  • Marco Firrao, Paolo Bernacca, il pittore dei fari , in Il Mare mensile di cultura del mare e di informazione libraria, n. 55, gennaio 1998
  • Simona Casalini, Bernacca jr e i fari, pennellate dagli oceani , in La Repubblica, 21 gennaio 1998
  • Toni A. Brizi, All’ombra della luce del faro, in Il Mare mensile di cultura del mare e di informazione libraria, n. 59, settembre 1999
  • "In alto mare" con Paolo Bernacca, in Mare magazine, 6 febbraio 2011
  • Carla Ida Salvati, Un anno di scuola con Bernacca, in La Vita Scolastica, n. 18, giugno 2011
  • Valeria Arnaldi, Un quartiere in un libro, I best seller metropolitani, in Il Messaggero, 20 dicembre 2017
  • Antonella Sbrilli, I venti venti di Paolo Bernacca, in Diconodioggi, gennaio 2020
  • Cristina Anichini, La carriera senza tempo di Paolo Bernacca, in Tablet Roma, febbraio 2020
  • Leonardo Bartolomucci, Artisti di Ostia, Spazi all'Arte Edizioni, 2020
  • Antonio Sorgente, Percorrendo il dantesco cammino, gli artisti, la critica, Spazi all'Arte Edizioni, 2021
  • Maria Baffigi, Tra matite, pennelli e menabò, Bianco Critico, giugno 2022

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]