Pancreatina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Pancreatina
Caratteristiche generali
Aspetto Polvere amorfa bianco-giallastra[1]
Numero CAS 8049-47-6
Codice ATC A09AA02
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua parziale[1]
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
orale (capsule gastroresistenti)[2]
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg) > 10000 mg/kg, topo, o.s.
Indicazioni di sicurezza

La pancreatina è una miscela di enzimi prodotti dalle cellule esocrine del pancreas. In medicina la pancreatina animale (ottenuta dal pancreas fresco di maiale o di bue) viene somministrata come coadiuvante della digestione in pazienti affetti da insufficienza pancreatica[3].

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

La pancreatina si presenta deidratata come una polvere amorfa di colore bianco-giallastro, dall'odore caratteristico e solubile in acqua e glicerina. Contiene principalmente tripsina, amilopsina e steapsina[4] (rispettivamente: una proteasi, un'amilasi ed una lipasi), importanti enzimi che favoriscono la digestione, insieme a minori quantità di maltasi, lattasi ed altri enzimi[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pancreatina su treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 5 giugno 2015.
  2. ^ (EN) Pancreatin su Drugs.com. URL consultato il 5 giugno 2015.
  3. ^ a b Alberico Benedicenti, Pancreatina su treccani.it, Enciclopedia Italiana (1935) - Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1935. URL consultato il 5 giugno 2015.
  4. ^ Pancreatina su treccani.it - Vocabolario on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 5 giugno 2015.