Palazzo Comunale (Piombino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Comunale
Palazzo del comune di piombino 01.JPG
Palazzo Comunale e Torre dell'Orologio
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Località Piombino
Indirizzo corso Vittorio Emanuele II
Coordinate 42°55′19.46″N 10°31′37.18″E / 42.922072°N 10.526994°E42.922072; 10.526994Coordinate: 42°55′19.46″N 10°31′37.18″E / 42.922072°N 10.526994°E42.922072; 10.526994
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1444-1598 e 1933-1937
Stile architettura neogotica
Uso sede comunale
Realizzazione
Proprietario Comune di Piombino
La Torre prima dei restauri novecenteschi

Il Palazzo Comunale di Piombino si trova in corso Vittorio Emanuele II, angola via Ferruccio, ed è affiancato dalla Torre dell'Orologio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nucleo originario del palazzo è di epoca duecentesca, quando si chiamava "palazzo dei Priori" o "della Comunità". Il palazzo attuale fu eretto nel 1444 da Nanni di Magio per volontà degli Anziani piombinesi che fino a quell'anno si riunivano nell'antico Palazzaccio, costruzione a noi non pervenuta situata probabilmente all'angolo con via "Trapalazzi", attuale via Giuseppe Garibaldi.

La torre risale al 1598. Il palazzo, così come la torre, fu oggetto di un pesante e contestato intervento di restauro nel 1933-1937 diretto dall'architetto senese Giovanni Bellini.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Nella parete destra dell'atrio è incassata una colonna di epoca romanica, con fusto scanalato a spirale e capitello, mentre nella volta affrescata si trovano gli stemmi del Comune, degli Appiani, del Ludovisi e dei Buonconmpagni-Ludovisi.

La sala consiliare contiere un affresco nella lunetta sopra la porta d'ingresso raffigurante la Madonna con Bambino o Madonna del Latte, datata 1575 e attribuita al pittore senese Giovanni Maria Tacci. Alla sinistra dell'ingresso, una statua in marmo del XV secolo, opera dei maestri Ciolo e Marco da Siena, della scuola di Giovanni Pisano, raffigura sempre una Madonna con Bambino. Inoltre nella sala si trovano vari quadri raffiguranti i principi di Piombino e i Granduchi di Toscana, inseriti in una serie storica che va dal XVII al XIX secolo. Infine, completano la collezione della sala uno stemma degli Appiani e una testa leonina risalente probabilmente al XII secolo.

La Torre dell'Orologio[modifica | modifica wikitesto]

La Torre dell'Orologio risale al 1598; il 20 gennaio di quell'anno infatti i Priori di Piombino ne affidarono al Maestro Francesco di Leone la costruzione. È composta da due piani rientranti

L'orologio e la campana bronzea risalgono agli inizi del XVII secolo; nella nicchia sopra il portale si trova la Madonna con Bambino il cui originale è all'interno del palazzo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Toscana. Guida d'Italia (Guida rossa), Touring Club Italiano, Milano 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]