Palazzo Albergati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Palazzo Albergati (Zola Predosa).
Palazzo Albergati
Palazzo Albergati Bologna.JPG
Vista di Palazzo Albergati
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàBologna
IndirizzoVia Saragozza
Coordinate44°29′23.83″N 11°20′04.13″E / 44.489954°N 11.33448°E44.489954; 11.33448Coordinate: 44°29′23.83″N 11°20′04.13″E / 44.489954°N 11.33448°E44.489954; 11.33448
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Inaugurazione1519
Stilerinascimentale
Usocommerciale

Il Palazzo Albergati è un palazzo rinascimentale situato in via Saragozza 26-28 nel centro di Bologna, in Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo in una xilografia del 1900

La costruzione del palazzo fu iniziata il 29 aprile 1519 per ospitare la famiglia Albergati. Nel 1540 il palazzo fu ampliato in via Malpertuso, con il rifacimento di vari dettagli e ornamenti esterni. Nel XIX secolo, il palazzo a causa della scomparsa della famiglia Albergati, fu diviso in vari appartamenti.[1]

All'interno del cortile dello stabile vi è un giardino di origine romana risalente al I d.C.[2]

La progettazione del complesso è incerta e viene probabilmente[3] attribuita a Baldassarre Peruzzi o a Domenico da Varignana[4][5]. Internamente all'edificio vi sono numerosi stucchi e affreschi risalenti al XVII e al XVIII secolo ad opera di Francesco Gessi, Bartolomeo Cesi e Andrea Sirani.

L'8 agosto del 2008 un incendio ne ha danneggiato gravemente la struttura degli ultimi piani ed i vari affreschi[6], ma il palazzo è stato riaperto dopo lunghi restauri nel 2014 [7] per essere adibito, fino ad oggi, a sede di varie mostre d'arte.

Vi è una villa dal nome omonimo, costruita nel XVII secolo, nel comune di Zola Predosa, che era di proprietà della stessa famiglia[8].

Nel palazzo Albergati nacque la celebre musicista, compositrice e salottiera Maria Brizzi Giorgi.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D-sign.it, Palazzo Albergati - Storia e Memoria di Bologna, su www.storiaememoriadibologna.it. URL consultato il 7 novembre 2018.
  2. ^ Barbara Baraldi, 1001 cose da vedere a Bologna almeno una volta nella vita, Newton Compton Editori, 2 novembre 2017, ISBN 9788822714794. URL consultato il 7 novembre 2018.
  3. ^ Biblioteca Salaborsa, homepage, su Biblioteca salaborsa. URL consultato il 7 novembre 2018.
  4. ^ About | Palazzo Albergati, in Palazzo Albergati. URL consultato il 7 novembre 2018.
  5. ^ Valeria Rubbi, L'architettura del Rinascimento a Bologna: passione e filologia nello studio dei Francesco Malaguzzi Valeri, Editrice Compositori, 2010, ISBN 9788877947079. URL consultato il 7 novembre 2018.
  6. ^ Inferno di fuoco a palazzo Albergati, su ilrestodelcarlino.it.
  7. ^ Noemi Bicchiarelli, Riapre Palazzo Albergati dopo l’incendio di sei anni fa, in Corriere di Bologna. URL consultato il 7 novembre 2018.
  8. ^ Officine Digitali, Comune di Zola Predosa - Storia e cultura, su www.comune.zolapredosa.bo.it. URL consultato il 7 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2018).
  9. ^ Maria Chiara Mazzi e Loris Rabiti, Brizzi Giorgi Maria, su Storia e Memoria di Bologna, Museo civico del Risorgimento. URL consultato il 12 aprile 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN238126702 · WorldCat Identities (ENlccn-n2019006433
Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura