Palazzina Mancioli II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzina Mancioli II
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1959
Uso civile
Realizzazione
Architetto Mario Ridolfi
Wolfgang Frankl

La palazzina Mancioli II è un edificio di Roma ad uso civile eretto nel 1959 dagli architetti Mario Ridolfi e Wolfgang Frankl in stile modernista.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella palazzina di via Vulci, che sorge a pochi metri di distanza da quella di via Lusitania della quale riprende il tema del coronamento in mattoni forati, lo schema planimetrico dell'edificio tende a riproporre la forma trapezoidale del lotto. Nel nucleo centrale è collocato il corpo scala con una sua chiostrina d'illuminazione mentre tutt'intorno sono disposti i vari ambienti degli alloggi (3 per ciascun piano e 2 nell'attico) che hanno i locali di servizio concentrati intorno alla chiostrina. È questo uno schema ricorrente nelle palazzine di Ridolfi che, eliminando la scala della facciata, definisce a priori l'impianto di un volume chiuso di cui poi articola variamente i contorni. In questo caso il volume è estremamente compatto. Lo schema centrale è sottolineato dalla soluzione degli angoli, in corrispondenza dei quali l'edificio si dilata in quattro elementi smussati, differentemente sagomati, il cui ruolo formale di torri angolari è sottolineato anche dal disegno dei balconi.

Tutta la casa è rivestita in piastrelle di cotto. Le architravi delle finestre, che assumono il valore di una modanatura, sono in travertino.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]