Palazzina Mancioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzina Mancioli
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
Indirizzovia Lusitania, 29
Coordinate41°52′38.31″N 12°30′15.29″E / 41.877308°N 12.504247°E41.877308; 12.504247Coordinate: 41°52′38.31″N 12°30′15.29″E / 41.877308°N 12.504247°E41.877308; 12.504247
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1952-1954
Inaugurazione1954
Stilemodernista
Usocivile
Realizzazione
ArchitettoMario Ridolfi con Volfango Frankl
AppaltatoreTito Mancioli

La Palazzina Mancioli è un edificio in stile modernista sito a Roma in via Lusitania 29, nel quartiere di San Giovanni, progettato dagli architetti Mario Ridolfi e Wolfgang Frankl nel marzo del 1952 e terminato nel febbraio del 1954. Committente dell'edificio fu Tito Mancioli, da cui il nome della palazzina.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La palazzina fu realizzata trasformando e sopraelevando un'autorimessa che sorgeva all'angolo con via Vetulonia. Di poco successiva a quella di viale Marco Polo, di questa ribadisce alcuni temi formali quali il tipo di coronamento e il volume continuamente arricchito di aggetti, introducendo al contempo alcune significative varianti. Lo schema distributivo è molto simile: quattro alloggi per piano con un corpo scala centrale illuminato da una coppia di balconi. Solo all'ultimo piano il disegno si articola e gli angoli sono smussati, mentre l'attico, molto arretrato e occupato dal secondo livello dell'alloggio duplex e dai locali di servizio, ha una soluzione formale diversa, con uno schermo in mattoni forati che riprende l'inclinazione del parapetto di coronamento. Particolare è la soluzione delle finestre nelle quali la veletta, trasformata in una modanatura che ne incornicia la parte superiore, rimanda a uno dei tipici elementi della tradizione classica dell'architettura(1)

La Palazzine Mancioli è raggiungibile mediante le fermata metropolitana di San Giovanni e Re di Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fondo Ridolfi-Frankl-Malagricci, http://www.fondoridolfi.org, https://web.archive.org/web/20160304121708/http://www.fondoridolfi.org/FondoRidolfi/110_23/periodo/Palazzina-Mancioli-I-a-Roma.htm. URL consultato il 2 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Piero Ostilio Rossi, Roma,Guida all'architettura 1909-2000, nuova edizione accresciuta (2000),editori Laterza, pagina 182 p.95

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]