Palaeotragus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Palaeotragus
Stato di conservazione: Fossile
Palaeotragus roueni pikermi.JPG
Cranio di Palaeotragus rouenii
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Sottordine Ruminantia
Famiglia Giraffidae
Genere Palaeotragus

Il paleotrago (gen. Palaeotragus) è un mammifero artiodattilo estinto, appartenente ai giraffidi. Visse tra il Miocene medio e il Pliocene inferiore (circa 14 - 5 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Europa, Asia e Africa.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale doveva assomigliare a un attuale okapi (Okapia johnstoni). Come quest'ultimo, Palaeotragus era dotato di un corpo snello, sorretto da lunghe zampe; non possedeva un aspetto pendente come quello della giraffa (e ovviamente era sprovvisto di un collo eccezionalmente allungato) a causa delle diverse proporzioni degli arti, più simili a quelle dell'okapi. Di Palaeotragus sono note varie specie; le più primitive (come P. primaevus) erano sprovviste di corna (ossiconi), mentre le successive (ad esempio P. rouenii e P. germaini) possedevano due ossiconi semplici al di sopra delle orbite e proiettati verso l'alto e all'indietro. Solitamente le specie di Palaeotragus raggiungevano i due metri al garrese, ma le ultime specie potevano anche superarli. Il peso doveva aggirarsi sui 250 chilogrammi. I molari e i premolari erano ancora poco specializzati (tranne che in P. rouenii, con un quarto premolare specializzato) ed era presente un diastema rilevante (in particolare in P. microdon).

Dentatura superiore di Palaeotragus rouenii

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

I primi fossili di questo animale furono ritrovati a Pikermi (Grecia) e vennero descritti da Albert Gaudry nel 1861; la specie tipo, P. rouenii, è anche la più nota. In Europa sono note varie specie di Palaeotragus, tra le quali P. moldavicus, P. coelophrys (dotato di corna maggiormente ricurve) e P. microdon (forse conspecifico con P. rouenii). In Africa, dalla più antica P. primaevus, derivò la successiva P. germaini, più specializzata. Alcune specie sono note nel Mio-Pliocene dell'Asia (P. tungurensis, P. asiaticus), ma non è chiaro se appartenessero effettivamente a Palaeotragus.

Il genere Palaeotragus non gode di una tassonomia chiara, a causa delle numerose specie ascritte a questo genere nel corso degli anni. E' possibile che alcune specie di questo animale (ad esempio P. tungurensis) siano in realtà da ascrivere ad altri generi di giraffidi, forse ancestrali alla sottofamiglia Giraffinae. La stessa sottofamiglia Palaeotraginae, istituita da Pilgrim nel 1911 per accogliere alcune forme di giraffidi primitivi, è risultato un insieme parafiletico o addirittura polifiletico, contenente forme via via più evolute e ancestrali a diversi gruppi di giraffidi.

Dentatura superiore di Palaeotragus microdon

Paleobiologia[modifica | modifica wikitesto]

La struttura delle zampe e delle ossa del piede indica che Palaeotragus doveva essere un corridore che viveva in spazi aperti, e probabilmente anche un buon saltatore. Probabilmente si cibava di piante tenere, principalmente foglie, che si procurava mediante una lunga lingua.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Korotkevich, E. L. 1957. Giraffes in Hipparion fauna of Berislav. [in Ukrainian; Russian summary]. Trudy Inst. Zool. AN URSR 14 129-140, 4 tables.
  • Godina, A.Y. 1964. On finds of giraffe of the genus Palaeotragus from Sarmatian of Moldavia. [in Russian; Moldavian summary]. Izv. Akad. Nauk Moldav. SSR, ser. Biol. i Khim. Nauk 1964 68-69.
  • Godina, A.Y. 1981. Pozdnepliotsenovyy Paleotragus iz Mongolii i Zabaykal'ya. [A late Pliocene Palaeotragus from Mongolia and Transbaykalia.] [in Russian with English summ.]. Tr. -- Sovmestn. Sov.-Mong. Paleontol. Eksped. 15 p. 109-113, 125.
  • Solounias N. 2007. Family Giraffidae, in Prothero D. & Foss S. E. (eds), The Evolution of Artiodactyls. Johns Hopkins University Press, Baltimore: 257–277

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi