Ornamento e delitto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo documentario, vedi Ornamento e delitto (film).
Ornamento e delitto
Titolo originale Ornament und Verbrechen
Adolf Loos Ornament und Verbrechen Plakat.jpg
Autore Adolf Loos
1ª ed. originale 1908
Genere saggio
Sottogenere architettura
Lingua originale tedesco

Errore Lua in mw.wikibase.entity.lua alla linea 88: data.schemaVersion must be a number, got nil instead.

Ornamento e delitto (in tedesco Ornament und Verbrechen) è un saggio scritto nel 1908 da Adolf Loos.

Considerato uno tra i primi architetti moderni, Adolf Loos si fece promotore del movimento che vedeva l'ornamentazione sugli edifici come puerile ed inutile, un eccesso assolutamente evitabile, concentrando la sua attenzione (o dell'architetto ideale a cui si rivolge) sulla forma-funzione dell'edificio.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il brevissimo saggio è contenuto nella raccolta Ins Leere gesprochen Trotzdem pubblicata nel 1962. Nel testo l'autore approfondiva i temi della sua polemica con gli artisti della Secessione viennese[1] ed esponeva una sua teoria in cui si privilegia l'utilità della produzione di oggetti di forma semplice e funzionale. Anche grazie a questo scritto, Loos verrà in seguito considerato uno dei fondatori del Razionalismo europeo e, in genere, del gusto architettonico moderno.

Nel 1973 Aldo Rossi realizzò un documentario dal titolo Ornamento e delitto con regia di Luigi Durissi, che in parte trae spunto dal saggio di Loos.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kenneth Frampton, Storia dell'architettura moderna, Bologna, Zanichelli, 1982, p. 96.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Adolf Loos, Ins Leere gesprochen Trotzdem, Herold, Vienna e Monaco, 1962.
  • (IT) Adolf Loos, Parole nel vuoto, Milano, Adelphi, 1972, pp. 217-229.
Controllo di autorità VIAF: (EN298933653