Ordine basiliano di San Giovanni Battista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Ordine basiliano di San Giovanni Battista (in latino Ordo basilianus Sancti Iohannis Baptistae Soaritarum Melkitarum; in francese Ordre basilien Choueirite) è un istituto religioso maschile di diritto pontificio del rito greco-melchita: i monaci dell'ordine, detti soariti, pospongono al loro nome la sigla B.C.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'ordine sorse nel 1710 per iniziativa di un gruppo di monaci del cenobio di Nostra Signora di Belmonte, presso Tripoli, favorevoli a ristabilire l'unità dei cristiani melkiti con Roma. I padri Georges Samman e Soléiman Kisri, con l'approvazione del patriarca Cirillo V Zaïm, si stabilirono presso un antico santuario dedicato a san Giovanni Battista, nei pressi del villaggio di Chouéir, e acquistarono dall'emiro Najem Abillamah la grande proprietà di Béit-Haile.[2]

I monaci di San Giovanni Battista crebbero rapidamente di numero e nel 1720 tennero il loro primo capitolo e iniziarono a spargersi a Beirut, Homs, Hama, Baalbek e nei villaggi di montagna: all'ordine si unirono anche gli antichi monasteri di Nostra Signora di Ras-Baalbek, Sant'Isaia di Broumana e Sant'Elia di Shawaïa.[2]

L'ordine fondò in tutto il Libano e in Siria parrocchie cattoliche ma l'attività missionaria dei monaci incontrò la forte opposizione di quanti osteggiavano la comunione dei melkiti con la sede apostolica:[2] per le loro pressioni le autorità civili dispersero la comunità di Ras-Baalbek (1725) e tolsero all'ordine i monasteri di San Giovanni Battista di Chouéir e di Sant'Elia di Shwaïa (1728), riacquistati dall'ordine rispettivamente nel 1729 e nel 1731.[3]

I monaci di San Giovanni Battista adottarono le regole brevi e lunghe di san Basilio, tradotte in arabo da Teofilo Fares, e le costituzioni dei monaci antoniani maroniti: papa Benedetto XIV approvò la legislazione dell'ordine con il breve Ecclesiae catholicae regimini dell'11 giugno 1757; papa Clemente XII donò ai monaci il convento di Nostra Signora della Navicella, come residenza per i religiosi inviati dall'ordine a Roma per motivi di studio.[3]

Nella prima metà del XIX secolo l'ordine subì numerose persecuzioni: in seguito a quelle del 1818 i basiliani vennero espulsi da Aleppo e, in seguito a queste circostanze, l'ordine soarita si divise in due rami, quello dei baladiti e quello degli aleppini, e gli aleppini nel 1829 andarono a costituire un ordine autonomo.[4]

Nel 1934 la congregazione per le Chiese Orientali approvò delle costituzioni comuni per i tre ordini basiliani melchiti e nel 1955 l'ordine venne dichiarato non monastico.[4]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

I basiliani di San Giovanni Battista si dedicano alla cura pastorale dei fedeli nelle parrocchie, all'insegnamento e all'educazione della gioventù.[4]

Oltre che in Libano, sono presenti in Argentina, Australia e America del Nord.[4] Il superiore generale dell'ordine è l'archimandrita del couvent Saint-Jean di Khonchara, in Libano.[1]

Alla fine del 2015 l'ordine contava 8 case e 44 membri, 35 dei quali sacerdoti.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2017, p. 1448.
  2. ^ a b c A. Hage, DIP, vol. I (1974), col. 1088.
  3. ^ a b A. Hage, DIP, vol. I (1974), col. 1089.
  4. ^ a b c d A. Hage, DIP, vol. I (1974), col. 1090.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annuario Pontificio per l'anno 2017, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2017. ISBN 978-88-209-9975-9.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.
Controllo di autoritàVIAF (EN243862959 · GND (DE4583736-3
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo