Opus Fundatum Latinitas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fondazione Latinitas
'Opus Fundatum Latinitas'
Emblem of the Holy See usual.svg
Favorire lo studio, l'uso e la diffusione della lingua latina, della letteratura classica e cristiana e del latino medioevale, per mezzo della pubblicazione di testi in latino e con altre vie appropriate.
Eretto30 giugno 1976
Soppresso10 novembre 2012
SuccessoriPontificia Accademia di Latinità
SedeFondazione "Latinitas", 00120 Città del Vaticano
Sito ufficialewww.vatican.va
Santa Sede · Chiesa cattolica
I dicasteri della Curia romana

L'Opus Fundatum Latinitas (in italiano Fondazione Latinitas[1]) è stata una fondazione della Curia romana istituita nel 1976 da papa Paolo VI per favorire lo studio, l'uso, e la diffusione della lingua latina[1]. È stata soppressa da papa Benedetto XVI nel 2012 con il Motu proprio Latina lingua, con la quale è stata sostituita dalla Pontificia accademia di latinità.

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione, istituita da Paolo VI con il chirografo pontificio Romani sermonis[2] del 30 giugno 1976[3], aveva i seguenti obiettivi[1]:

  1. Favorire e promuovere lo studio della lingua latina, della letteratura classica e cristiana e del latino medioevale;
  2. Uso e diffusione della lingua latina mediante pubblicazione di testi in latino e con altre vie appropriate.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Le principali attività dell'Opus Fundatum Latinitas erano[1]:

  • la pubblicazione della rivista trimestrale Latinitas, scritta rigorosamente in latino, tratta sia temi culturali di vario genere (letteratura, filologia, storia, scienze ed altre discipline) che di attualità tramite la rubrica detta Diarium Latinum. Attualmente la rivista non è disponibile on-line ma solo in versione cartacea.
  • l'organizzazione del Certamen Vaticanum, un concorso internazionale annuale di poesia e prosa in lingua latina su argomenti scelti sia dall'ambito classico che di attualità;
  • l'organizzazione di corsi intensivi di lingua latina;
  • l'istituzione di congressi, conferenze e discussioni su vari temi della cultura latina;
  • lo sviluppo di neologismi latini e la loro divulgazione attraverso il Lexicon recentis Latinitatis, un vocabolario contenente oltre 15.000 nuovi termini latini sviluppato con il supporto di esperti di tutto il mondo. L'ultima edizione del vocabolario è del 2003.[4]
  • l'organizzazione delle Feriae Latinae, dei seminari annuali svolti in vari paesi del mondo su argomenti di attualità che si tengono esclusivamente in lingua latina.

Cronotassi dei Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Fondazione Latinitas, su vatican.va. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  2. ^ PAULI VI SUMMI PONTIFICIS CHIROGRAPHUM, su vatican.va. URL consultato il 20 novembre 2009.
  3. ^ (LA) Opus Fundatum Latinitas, su vatican.va. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  4. ^ Lexicon recentis latinitatis, su books.google.it. URL consultato il 20 novembre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 8990 3804