Operazione Cottbus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Operazione Cottbus
Data 20 maggio - 23 giugno 1943
Luogo Voblasc' di Vicebsk, Bielorussia
Esito vittoria tedesca
Schieramenti
Comandanti
Germania Oskar Dirlewanger Flag of Byelorussian SSR.svg Sconosciuto
Perdite
59 morti[1][2] Controverso, la stima oscilla tra 9.800 e 20.000 morti tra civili e partigiani
Voci di operazioni militari presenti su Wikipedia

L'Operazione Cottbus fu un'operazione antipartigiana condotta da truppe delle SS (nella fattispecie dal battaglione Dirlewanger assieme a collaborazionisti bielorussi, lettoni, lituani e ucraini)[3] durante l'occupazione della Bielorussia.

L'operazione cominciò il 20 maggio 1943 nelle aree di Bjagoml', Lepel', Ushachy e durò circa un mese durante il quale vennero dati alle fiamme e spopolati numerosi villaggi con un bilancio di circa 950 armi catturate[3], 9.800 uccisioni (6.087 in combattimento e 3.709 giustiziate) secondo i resoconti ufficiali nonché 5.053 persone mandate ai lavori forzati; queste cifre sono probabilmente sottostimate: la radio tedesca dichiarò 15.000 morti, numeri vicini a quelli dichiarati dall'Einsatzgruppe Dirlewanger (14,000 vittime). Prendendo in considerazione che altri due gruppi di combattimento presero parte all'operazione il numero probabile dei morti è stato stimato in almeno 20.000 caduti.[4]

È probabile che la maggior parte degli uccisi fossero civili disarmati[3], alcune fonti contemporanee tedesche suggeriscono che la molte delle vittime potessero essere appartenenti a bande,[1] ma rimarcano anche l'attitudine degli uomini di Dirlewanger ad uccidere indiscriminatamente.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nizokar Project Archive File: imt/nca/nca-02//nca-02-15-criminality-05-13 Consultato il 15-03-2009
  2. ^ a b Nizokar Project Nizokar Project Archive File: imt//tgmwc/tgmwc-03/tgmwc-03-24-05. Consultato il 15-03-2009
  3. ^ a b c Breitman.R (1997) Himmler's Police Auxiliaries in the Occupied Soviet Territories Museum of Tolerance Online. Consultato il 15-03-2009
  4. ^ Christian Gerlach, Kalkulierte Morde. Die deutsche Wirtschafts- und Vernichtungspolitik in Weißrußland 1941 bis 1944. Studienausgabe, pagina 943 e senguenti