Omer Šipraga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Omer Šipraga nel 1950, lato destro

Omer Šipraga (Šiprage, 7 gennaio 1926Šiprage, 7 aprile 2012) è stato un partigiano bosniaco. Insieme al fratello Mustafa, durante la Seconda Guerra Mondiale guidò una delle prime rivolte nel comune di Šiprage.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Omer Šipraga nacque nel 1926 dall'aristocratica famiglia di Mujo Šipraga, discendente diretto di uno dei fondatori dell'insediamento locale, che oggi è il villaggio di Šiprage, in Bosnia-Erzegovina. In giovane età si è impegnato contro la violenza delle gendarmerie nel Regno di Jugoslavia, per poi entrare nella Bosnia ed Erzegovina e nello Stato indipendente della Croazia

«Tale lavoro ha anche influenzato la risposta di massa dei giovani a unirsi ai ranghi delle brigate proletarie e delle truppe partigiane di recente formazione. Quindi sono state ripristinate le attività dei comitati della gioventù comunista e della liberazione nazionale. Le massicce risorse di comunista sono state ampliate e ampliate. A Šiprage, il segretario era Omer Šipraga, a Skender-Vakuf, Jovanka Crnomarković, ea Maslovare, Nevenka Petrić. Nel liberato Kotor-Varoš, è stato istituito il patrimonio della gioventù comunista in cui il segretario era Advan Hozić, e i membri Arfan Hozić, Mustafa Karaselimović, Teufik Korić-Tufko, Drago Luburić e Vlasta Tvrz.[1]»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nevenka Petrić (1985): Opštine Kotor-Varoš i Skender-Vakuf u NOB-u 1941-1945. Radnički univerzitet "Đuro Pucar Stari", Kotor Varoš.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]