Occupy Movement

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Occupy Movement, 15 ottobre 2011

The Occupy movement (in italiano: Movimento di occupazione) è un movimento di protesta internazionale che si rivolge soprattutto contro la disuguaglianza economica e sociale.[1][2]

La prima occupazione di protesta a ricevere un'ampia copertura mediatica fu l'Occupy Wall Street nello Zuccotti Park di New York, che ha avuto inizio il 17 settembre 2011. Dal 9 ottobre le occupazioni di protesta hanno avuto luogo o sono ancora in corso in oltre 95 città di 82 paesi in tutto, e di oltre 600 comunità negli Stati Uniti.[3][4][5][6][7]

Alla fine del 2011 la pagina Meetup "Occupiamo Insieme" ha elencato 2.760 comunità promotrici di Occupazioni in tutto il mondo.[8][9] Il movimento ha iniziato a dicembre 2011 ad utilizzare i QRpedia sui manifesti delle campagne di protesta.[10]

Proteste[modifica | modifica sorgente]

Italia[modifica | modifica sorgente]

Anche in Italia è stato organizzato un appuntamento in occasione della giornata mondiale di protesta Occupy the World[11]. Il 15 ottobre 2011, circa 200.000[12] persone si sono riunite a Roma per protestare contro la disuguaglianza economica e l'influenza della Commissione europea, la Banca centrale europea e il Fondo monetario internazionale sulle politiche economiche nazionali[13]. Lo stesso giorno della manifestazione di Roma alcune proteste si sono verificate anche in altre città italiane[14].

Durante il corteo a Roma si sono verificati violenti scontri tra forze dell'ordine e una parte dei manifestanti. In Piazza San Giovanni si è avuta una guerriglia urbana durata fino alle prime ore serali, con conseguenti ingenti danni sia alla piazza che alle vie laterali nelle vicinanze. Anche la Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro al Laterano è stata danneggiata ed una statua della rubata dal suo interno e distrutta in mezzo alla strada[15].

Il totale dei danni calcolati ammonta ad oltre un milione di euro di danni.[15]. Il conto dei feriti negli scontri è di 135 persone, di cui 105 agenti di polizia (alcuni anche con feriti gravi)[16], e alcuni operatori televisivi.[15][17]. Venti persone sono state arrestate in relazione agli scontri.[15]

Alcuni manifestanti pacifici hanno occupato la Piazza di Santa Croce in Gerusalemme iniziando un sit-in chiamato Accampata Roma.

Sul modello dell'esperienza americana il 31 marzo 2012 viene organizzata un corteo nazionale denominato Occupyamo Piazza Affari terminato proprio davanti la sede della Borsa[18].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Wall Street protesters We're in for the long haul, Bloomberg Businessweek. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  2. ^ (EN) Lawrence Lessig, #OccupyWallSt, Then #OccupyKSt, Then #OccupyMainSt in Huffington Post, 5 ottobre 2011. URL consultato il 6 ottobre 2011.
  3. ^ (EN) Derek Thompson, Occupy the World: The '99 Percent' Movement Goes Global, The Atlantic, 15 ottobre 2011. URL consultato il 15 ottobre 2011.
  4. ^ (EN) Shaila Dewan, 99 Percenters and 53 Percenters Face Off, The New York Times, 11 ottobre 2011. URL consultato il 15 ottobre 2011.
  5. ^ (EN) Karla Adam, Occupy Wall Street protests go global, The Washington Post, 15 ottobre 2011. URL consultato l'8 novembre 2011.
  6. ^ (EN) Karla Adam, Occupy Wall Street protests continue worldwide, The Washington Post, 16 ottobre 2011.
  7. ^ (EN) Joanna Walters in Seattle, Occupy America: protests against Wall Street and inequality hit 70 cities | World news | The Observer in The Guardian (Gran Bretagna), 8 ottobre 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011.
  8. ^ (EN) Occupy Together Meetups Everywhere, Meetup, 23 maggio 2010. URL consultato il 1º gennaio 2012.
  9. ^ Occupy Roma, Meetup, 27 dicembre 2011. URL consultato il 1º gennaio 2012.
  10. ^ (EN) We Don't Make Demands: Posters, 2 dicembre 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  11. ^ Alberto Conti, Indignati, i giovani scendono di nuovo in piazza, Ustation.it, 11 novembre 2011. URL consultato l'8 giugno 2012.
  12. ^ Antonio Padellaro, Come previsto in Il Fatto Quotidiano, 16 ottobre 2011. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  13. ^ 15 ottobre 2011 giornata europea e internazionale di mobilitazione in Fiom-CGIL, 22 settembre 2011. URL consultato l'11 settembre 2012.
  14. ^ In altre città iniziative pacifiche in ANSA, 15 ottobre 2011. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  15. ^ a b c d (EN) BBC News - Rome counts cost of violence after global protests in BBC News, 16 ottobre 2011. URL consultato il 17 ottobre 2011.
  16. ^ (EN) Barbie Latza Nadeau, Anarchists Hijack Rome Protests in The Daily Beast, 15 ottobre 2011. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  17. ^ (EN) Dozens injured in Rome as 'Occupy' movement swells - World - NZ Herald News in Nzherald.co.nz, 17 ottobre 2011. URL consultato il 17 ottobre 2011. [collegamento interrotto]
  18. ^ Massimo Pisa, "Occupiamo Piazza Affari" il corteo nella città blindata in la Repubblica (Milano), 31 marzo 2012. URL consultato l'8 giugno 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Notizie dei media
Siti web correlati