Numero di identificazione del veicolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
VIN su un ciclomotore di produzione cinese

Il numero di identificazione del veicolo, meglio noto come numero di telaio (in inglese: Vehicle Identification Number - VIN), è un codice univoco alfanumerico che include un numero di serie, utilizzato dal settore automobilistico per l'identificazione dei singoli autoveicoli, dei rimorchi, dei motocicli, degli scooter e dei ciclomotori.

Il VIN è stato introdotto nel 1954[1], anche se fino al 1981 non vi è stata alcuna standardizzazione del suo formato che variava a seconda del produttore.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d'America, nel 1981 la National Highway Traffic Safety Administration ha standardizzato il formato[1], fissando il codice a 17 caratteri non comprensivi delle lettere I (i), O (o), o Q (q) per evitare confusione con i numeri 1 e 0. Analoghe standardizzazioni sono state effettuate in Europa e nel resto del mondo.

Standard della codifica VIN[modifica | modifica wikitesto]

Nel mondo esistono almeno quattro standard di codifica del VIN.

  • FMVSS 115, Parte 565: Utilizzato negli Stati Uniti e in Canada[2]
  • ISO standard 3779: Utilizzato in Europa e in gran parte del mondo
  • SAE J853: Molto simile allo standard ISO
  • ADR 61/2 utilizzato in Australia e ispirato allo standard ISO 3779 e 3780[3]

Codifica europea[modifica | modifica wikitesto]

Nella normativa europea il numero di telaio (VIN) è composto da tre sezioni:[4][5]

  • WMI, World Manufacturer Identifier : 3 caratteri alfanumerici identificativi assegnati a costruttore e relativa sede
  • VDS, Vehicle Descriptor Section : 6 caratteri alfanumerici che descrivono le caratteristiche generali del veicolo
  • VIS, Vehicle Indicator Section : 8 caratteri, di cui i primi 4 alfanumerici e i secondi 4 numerici, identificativi del singolo esemplare

Punzonatura o ripetizione d'ufficio[modifica | modifica wikitesto]

In alcuni paesi è possibile effettuare una punzonatura o ripetizione di punzonatura d'ufficio[6] del numero di telaio, ovvero eseguita dalla motorizzazione civile generalmente nei casi in cui il numero sia:

  • stato inciso errato da costruttore
  • sia divenuto illeggibile
  • sia stato contraffatto
  • sia stato lecitamente sostituito il telaio o sua parte contenente incisione identificativa

In questi casi la codifica può essere diversa da quella prevista standard per il VIN.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Vehicle Identification Numbers (VINs), National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA). URL consultato il 24 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2011).
  2. ^ eCFR – Code of Federal Regulations – Title 49: Transportation – PART 565—VEHICLE IDENTIFICATION NUMBER (VIN) REQUIREMENTS, www.ecfr.gov. URL consultato il 9 aprile 2013.
  3. ^ ComLaw Legislative Instruments – Vehicle Standard (Australian Design Rule 61/02 – Vehicle Marking) 2005 (ADR 61/02), Comlaw.gov.au. URL consultato il 27 settembre 2010.
  4. ^ VIN (Vehicle Identification Number) – Il Numero di Telaio dei veicoli, su Carpedia. URL consultato il 14 maggio 2020.
  5. ^ (EN) Direttiva 76/114/EEC del 18 dicembre 1975, su eur-lex.europa.eu. URL consultato il 14 maggio 2020.
  6. ^ APPENDICE VII - Art. 233 (Punzonatura d'ufficio del numero di telaio), su www.gazzettaufficiale.it, 28 dicembre 1992. URL consultato il 14 maggio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trasporti