Nikolaj Nikolaevič Voronov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Nikolaj Voronov)
Nikolaj Nikolaevič Voronov
NNVoronov1932.jpg
Nikolaj Nikolajevič Voronov nel 1932
5 maggio 1899 – 28 febbraio 1968 (68 anni)
Nato aSan Pietroburgo
Morto aMosca
Luogo di sepolturaCimitero del Cremlino (Mosca)
Dati militari
Paese servitoURSS URSS
Forza armataArmata rossa
ArmaArtiglieria
Anni di servizio1918 - 1968
GradoMaresciallo capo
(Generale)
GuerreGuerra civile russa
Guerra polacco-sovietica
Guerra civile spagnola (consigliere)
Seconda guerra mondiale
BattaglieBattaglia di Stalingrado
Operazione Urano
Operazione Piccolo Saturno
Operazione Anello
DecorazioniEroe dell'Unione Sovietica
Ordine di Lenin
Ordine della Bandiera Rossa
Ordine della Stella Rossa
Ordine della Rivoluzione d'Ottobre
Ordine di Suvorov
Studi militariAccademia militare "Frunze"
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia
Nikolaj Nikolaevič Voronov
NNVoronov1940.jpg
Nikolaj Voronov nel 1940

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature II
Circoscrizione Circoscrizione speciale

Dati generali
Partito politico Partito Comunista di tutta l'Unione

Nikolaj Nikolaevič Voronov (San Pietroburgo, 5 maggio 1899Mosca, 28 febbraio 1968) è stato un generale sovietico, comandante in capo della prestigiosa Artiglieria dell'Armata Rossa durante la seconda guerra mondiale.

Potenziò al massimo questa Arma, incrementando in modo eccezionale il numero, la potenza e la modernità dei cannoni e dell'artiglieria missilistica sovietica.

Grazie a questo formidabile potenziamento l'Artiglieria dell'Armata Rossa si trasformò nel maglio che schiacciò, con i suoi enormi concentramenti di potenza di fuoco, le difese tedesche sul fronte orientale negli ultimi anni della guerra mondiale. Oltre a questa importantissima attività organizzativa, Voronov svolse anche in numerose occasioni incarichi operativi sul fronte come rappresentante e coordinatore dello Stavka (il Comando supremo sovietico diretto personalmente da Stalin) durante alcune grandi offensive sovietiche.

In particolare, dopo aver collaborato con Žukov e Vasilevsky all'organizzazione della Operazione Urano, diresse personalmente la fase iniziale dell'Operazione Piccolo Saturno del dicembre 1942 e, insieme al generale Rokossovskij, la fase finale della battaglia di Stalingrado (Operazione Kolzò) che terminò il 2 febbraio 1943 con la definitiva vittoria sovietica e con la resa del feldmaresciallo tedesco Friedrich Paulus.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Eroe dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Unione Sovietica
Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
Ordine della Bandiera rossa - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa
Ordine della Stella Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Stella Rossa
Ordine della Rivoluzione d'Ottobre - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Rivoluzione d'Ottobre
Ordine di Suvorov - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Suvorov
Controllo di autoritàVIAF: (EN539740 · ISNI: (EN0000 0000 1520 8120 · GND: (DE120723891
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie