Nazarena Majone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«"Com'è dolce vivere quaggiù, unita a Dio e abbandonata al Beneplacito Divino!!! Rumorosi saranno i flutti del mare, le tempeste della vita, gli scogli da salpare... Non temete, Iddio del cielo è la vostra protezione!!!»

Maria Nazarena Majone (Graniti, 21 giugno 1869Roma, 25 gennaio 1939) è stata una religiosa italiana, fondò, assieme a Annibale Maria di Francia, le Figlie del Divino Zelo, di cui divenne superiora generale. Nel 2003 è stata dichiarata venerabile.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Graniti (Messina) il 21 giugno 1869 da Bruno Majone e Marta Falcone. A 11 anni divenne orfana di padre e dovette contribuire con il lavoro il mantenimento della famiglia. Dopo un incontro a Messina con Sant'Annibale Maria di Francia decise di iniziare il noviziato il 14 ottobre 1889 assieme alla sua amica Carmela d'Amore. Nel 1892 divenne suora, con il nome di Maria Nazarena. Nel 1895 sant'Annibale fece ricostruire il fatiscente monastero dello Spirito Santo e il 5 agosto 1896 divenne madre superiora delle Figlie del Divino Zelo, ordine fondato da lei assieme a sant'Annibale e approvato, insieme all'ordine dei Rogazionisti del Cuore di Gesù dall'arcivescovo di Messina. Nel 1902 aprì un orfanotrofio a Taormina e nel 1903 ne apre uno a Giardini. Nel 1908 un terribile terremoto uccise 13 sue consorelle. Lei tornò subito da Taormina per offrire assistenza e fece trasferire le suore ad Oria. Successivamente fu ricevuta, assieme a padre Annibale, dai pontefici Benedetto XV e da Pio X. Nel 1924 aprì un orfanotrofio a Roma, che diventerà Sede Generalizia. Successivamente, anche se malata di diabete, diede aiuto a sant'Annibale che si trovava a Fiumara Guardia, dove il santo si spense il 1º giugno 1927. Nazarena Majone morì a Roma alle 10 del 25 gennaio 1939.

Processo di Beatificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il suo corpo venne traslato nella chiesa dello Spirito Santo a Messina. Il 23 gennaio 1991 la Santa Sede concesse il "nihil obstat" per l'apertura dell'inchiesta diocesana. Il 2 giugno 1993 si è concluso il processo diocesano, mentre nel 3 giugno dello stesso anno si apre il processo apostolico. Il 9 maggio 2003 si tenne con esito positivo il congresso dei consultori teologici. Il 20 dicembre 2003 venne dichiarata venerabile.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54958732 · ISNI (EN0000 0000 3881 3411 · LCCN (ENn2001089623 · BNF (FRcb150901271 (data)