Natale senza Rodney

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Natale senza Rodney
Titolo originaleChristmas Without Rodney
AutoreIsaac Asimov
1ª ed. originale1989
1ª ed. italiana1991
Genereracconto
Sottogenerefantascienza
Lingua originale inglese
SerieCiclo dei Robot
Preceduto daSogni di robot
Seguito daCosì non va

Natale senza Rodney (Christmas Without Rodney) è un racconto fantascientifico scritto da Isaac Asimov. È stato pubblicato per la prima volta nel 1988 sulla rivista Isaac Asimov's Science Fiction Magazine, e successivamente in Visioni di robot[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Howard e Gracie sono due anziani coniugi che possiedono un robot positronico di più di 70 anni chiamato Rodney. Si avvicina il Natale, e Gracie, vedendo ormai in questo un essere umano, decide che dovrà prendersi anche lui un periodo di ferie. Howard è inizialmente contrario a questo, ma deve cedere sotto le insistenze della moglie. Come ogni anno poi, in quel periodo vengono a trovarli il figlio DeLancey con la sua famiglia composta dalla moglie Hortense e dal figlio LeRoy (entrambi odiatissimi da Howard). Per supplire alla mancanza di Rodney, questi porteranno il loro robot personale, Rambo, in modo che ci sia qualcuno che faccia le faccende di casa.

Il conflitto inizia subito fra il suocero e la nuora, aiutata dal figlio, e fra continue frecciatine e insulti a Rodney (considerato troppo vecchio dai due), si arriva alla Vigilia di Natale. In questa data infatti LeRoy, viziato com'è, pretende di sapere dove siano i suoi regali da Rambo, ma questo gli risponde che non lo sapeva e quindi il ragazzino è costretto a chiederlo proprio al vecchio robot dei nonni. Ma Rodney risponde che non volendo dare un dispiacere a Gracie e Howard, non poteva dirglielo, così LeRoy si arrabbia e allora gli ordina di dirgli dove erano i suoi doni, dandogli anche un calcio. Ma facendo questo gesto, gli scivola via la pantofola dal piede, e si rompe il nudo alluce contro lo stinco d'acciaio cromato dell'automa.

Intanto Howard aveva assistito a tutta la scena, e spiega a Hortense, corsa subito in aiuto del figlio, che in realtà non era stato il robot ad aggredirlo (come LeRoy voleva farle credere), ma il contrario. L'indomani DeLancey con la famiglia, lascia la casa dei genitori, e finalmente Rodney può sfogarsi con il suo padrone dicendogli una frase che gli fa venire i brividi:

«Grazie, signore. Devo ammettere che in questi ultimi due giorni ci sono stati dei momenti in cui ho desiderato che le Leggi della Robotica non esistessero.»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.fantascienza.com Natale senza Rodney

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]