Torre della Zecca (Amsterdam)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Munttoren (Amsterdam))
Torre della Zecca
Munttoren
MunttorenAmsterdamtheNetherlandsDusk.jpg
Munttoren vista dal Singel
Ubicazione
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Provincia Olanda Settentrionale
Località Amsterdam
Coordinate 52°22′01″N 4°53′36″E / 52.366944°N 4.893333°E52.366944; 4.893333Coordinate: 52°22′01″N 4°53′36″E / 52.366944°N 4.893333°E52.366944; 4.893333
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1480-87
Distruzione 1618 (da un incendio)
Ricostruzione 1619-20
Stile Rinascimentale
Altezza 41 metri
Realizzazione
Architetto Hendrick de Keyser il Vecchio

La Torre della Zecca (in olandese: Munttoren; pronuncia: /'møŋtto:rǝ(ŋ)/), chiamata comunemente De Munt, è una celebre torre campanaria in stile rinascimentale della Muntplein ("Piazza della Zecca") di Amsterdam, nei Paesi Bassi. Venne costruita nel 1619-20 dall'architetto Hendrick de Keyser il Vecchio, sulle rovine della Regulierspoort, una parte delle mura medievali risalente agli anni ottanta del XV secolo.[1][2][3][4][5]

L'edificio, che deve il proprio nome alla funzione di zecca che assunse tra il 1672 e il 1673[1][2][3][4][5][6], è classificato come rijksmonument nr. 3729[7].

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

La guglia della torre.
L'antica Regulierspoort.
Le campane del carillon.

La torre si trova al confine tra la Nieuwe Zijde e la "Cerchia dei Canali Est"[3] nel punto in cui il fiume Amstel si incontra con il canale Singel[2], tra il Bloemenmarkt, tra il mercato di fiori galleggiante sul Singel, la via per gli acquisti Kalverstraat e la Vijzelstraat, nei pressi del Tuschinski Theater.[2][3][4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In questo vi era una delle tre porte più importanti della città. La Regulierspoort, Porta dei Regolari, in riferimento all'antico Monastero dei Regolari che fu fondato nel 1394 nei pressi. Questa porta civica venne eretta fra il 1480 e il 1487 e si componeva di due torri gemelle con un corpo di guardia.

Nel 1618 un incendio distrusse l'edificio, risparmiando solo la base di una delle due torri[1][3][4]. Nel 1619 il grande architetto Hendrick de Keyser il Vecchio ristrutturò il complesso e alla torre occidentale vi aggiunse la caratteristica guglia di legno rivestita di lastre di piombo, che raggiunge l'altezza di 41 metri[8].

Nel 1699 i fratelli François e Pieter Hemony vi installarono un carillon composto da 19 campane[1][2][3][4]. Tuttavia le campane vennero vendute nel 1873 (alcune di esse sono oggi conservate al Museo Storico di Amsterdam), ed oggi il nuovo carillon si compone di 38 campane.

La torre assunse il suo nome attuale di Munttoren, ovvero "Torre della Zecca", nel 1672, quando la città di Amsterdam, occupata dai francesi, fu deputata per due anni del diritto di coniare monete al posto di Utrecht.[1][2][4]

Fra il 1885 e il 1887 il vecchio corpo di guardia venne istituito dall'attuale in stile Neorinascimentale.

Riproduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della torre si trova un carillon di 38 campane che risuona ogni 15 minuti.[2][3][4][6]

Vi è anche annesso un negozio di ceramiche di Delft.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Architectenweb-Archipedia: Munttoren
  2. ^ a b c d e f g Absolute Facts.nl: Munttoren en Muntplein in Amsterdam
  3. ^ a b c d e f g Duncan, Fiona, Amsterdam, Dorling Kindersley, London - Mondadori, Milano, 1996
  4. ^ a b c d e f g h A.A.V.V., Amsterdam, Atlas, Anno III, Nr. 11, Edigamma, Roma, Luglio-Settembre 2003, p. 31
  5. ^ a b I am Amsterdam: Munttoren
  6. ^ a b Catling Christopher, Le Guide Traveler di National Geographic - Amsterdam, National Geographic Society, New York, 2002-2004 - White Star, Vercelli, 2004, p. 62
  7. ^ Munttoren su Monumentenregister
  8. ^ (NL) Sito allesfamilie.nl
  9. ^ Madurodam: De Munttoren - Amsterdamse wijk - Het Geheugen van Nederland - Online beeldbank van Archieven, Musea en Bibliotheken
  10. ^ Panoramio - Photo of Mini-Europe: Munttoren in Amsterdam in the Netherlands

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]