Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Muezzin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un muezzino chiama la preghiera dal minareto

Nella liturgia islamica, il muezzin (pron. [mueʣˈʣin][1]; in arabo مؤذن, Muʾadhdhin; in turco müezzin) o muezzino[2], anticamente chiamato talacimanno[3], è la persona incaricata di salmodiare cinque volte (tra notte e giorno) dal minareto il richiamo (adhān) che serve a ricordare l'obbligo di effettuare validamente la preghiera islamica della ṣalāt.

La formula dell'adhān è nel sunnismo:

  1. Allāhu Akbar (Iddio è Sommo) (quattro volte, due per il Malikismo)
  2. Ašhadu an lā ilāh illā Allāh (Attesto che non v'è dio se non Iddio) (due volte)
  3. Ašhadu anna Muḥammadan Rasūl Allāh (Attesto che Muḥammad è l'Inviato di Dio) (due volte)
  4. Ḥayya ʿalā al-salāt (Orsù alla preghiera) (due volte)
  5. Ḥayya ʿalā l-falāḥ (Orsù alla salvezza) (due volte)
  6. Allāhu Akbar (Iddio è Sommo) (due volte)
  7. Lā ilāh illā Allāh (Non v'è dio se non Iddio) (una volta).

L'adhān per lo Sciismo è invece differente, perché aggiunge - tra i punti 5 e 6 - anche la formula ḥayya ʿalā khayr al-ʿamal (Orsù all'opera migliore) e perché pronuncia due volte il punto 7 della formula precedentemente esposta.

Il primo muezzino della storia islamica fu Bilāl, un liberto abissino dalla voce stentorea che fu affrancato da Abū Bakr che lo strappò alle torture del suo padrone indispettito per la conversione del suo schiavo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luciano Canepari, muezzin, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  2. ^ Muezzin, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 20 novembre 2015.
  3. ^ Talacimanno, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 20 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4636453-5
Islam Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islam