Mondial Piega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piega
Mondial Piega.jpg
Costruttore Italia  Mondial Moto
Tipo Sportivo
Produzione dal 2001 al 2004
Note 122 esemplari

La Piega o Piega EVO, è una motocicletta sportiva costruita dalla casa milanese, in piccola serie, dal 2001 fino al fallimento dell'azienda nel 2004.

La moto[modifica | modifica wikitesto]

La Piega è una moto sportiva, con motore Honda, e iniezione elettronica dedicata Pietro Di Zinno EFI, questa moto è stata venduta in due versioni, di cui la seconda solo in due esemplari, rispettivamente con telaio n. 00069 e Telaio n. 00101, le quali si contraddistinguono dalla prima versione sia per il nome che è stato arricchito dal suffisso EVO, sia per la carenatura più rotondeggiante.

L'attività sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Con questo modello la casa Mondial fa il suo ritorno in Superbike, i primi test si hanno nel 2001, ma date le difficoltà fino al 2003 vengono costruite solo 3 moto Superbike, che faranno solo test privati, nel frattempo sempre nel 2003 la casa partecipa a tutto il campionato mondiale di Endurance con Maurizio Bargiacchi e Andrea Perselli.

Nel 2006 si ritenta con la Superbike e durante l'anno il Team "L.M. Superbike di Learco Ghelfi" ritorna in pista con due stupende Piega versione Superbike, ma nel 2007 a causa del cambiamento di regolamento imposto dalla federazione, Mondial decide di accantonare ogni attività sportiva.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Piega [EVO]
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2010 × ? × 1115 mm
Altezze Sella: 860 mm
Interasse: 1420 mm Massa a vuoto: 182 kg Serbatoio: 18 litri di cui 3 di riserva
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico verticale 4T a V Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 998,5 cm³ (Alesaggio 100 x Corsa 63,6 mm)
Distribuzione: DOHC 4 valvole per cilindro Alimentazione: Iniezione elettronica - Centralina di controllo con software Pietro Di Zinno dedicato.
Potenza: 103 kW (140 CV) a 9.800 rpm [105 kW (143 CV) a 10.000 rpm] Coppia: 10,2 kgm a 8.800 rpm Rapporto di compressione: 10,8:1
Frizione: a dischi multipli in bagno d'olio [Multidisco a secco con sistema antisaltellamento] Cambio: a 6 marce
Trasmissione primaria ad ingranaggi con denti dritti ??/?? (1,700);secondaria a catena 16/40 (2,500)
Avviamento elettrico
Ciclistica
Telaio A traliccio in tubi cromo molibdeno vanadio saldati a tig
Sospensioni Anteriore: forcella rovesciata pluriregolabile (freno estensione, compressione e precarico) da 46 mm / Posteriore: monoammortizzatore "Ohlins"
Freni Anteriore: doppio disco freno da 320 mm con pinze Brembo a 4 pistoncini / Posteriore: disco freno da 220 mm
Pneumatici anteriore da 120/70-17 su cerchi con canale da 3,5"; posteriore da 180/55-17 o 190/50-17 su cerchi con canale da 5,75"
Prestazioni dichiarate
Velocità massima 280 km/h
Altro
Lubrificazione con olio di ricino e pompa ad ingranaggi di mandata-recupero.
Fonte dei dati: [senza fonte]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Moto Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto