Mitologia pasquense

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine mitologia pasquense si riferisce alla mitologia dei Rapa Nui, la popolazione aborigena dell'Isola di Pasqua, situata nell'oceano Pacifico orientale, a quasi quattromila chilometri in linea d'aria dalle coste del Cile.

La mitologia pasquense presenta caratteristiche peculiari, probabilmente grazie al forte isolamento geografico dell'isola, la più remota della Polinesia. I popoli pasquensi hanno nel tempo sviluppato cosmogonie molto singolari e vicine alla realtà locale dell'Isola di Pasqua. Una leggenda dell'Isola di Pasqua narra che giunsero dal cielo degli uomini uccello, probabilmente così definiti non per le loro sembianze, ma perché potevano volare. Il loro capo si chiamava Makemake: la sua immagine è stata scolpita su alcune rocce presenti sull'isola. I colossi di pietra si muovevano da sé grazie ad una forza misteriosa che solo due sacerdoti controllavano; un giorno i due sacerdoti scomparvero e da lì il lavoro di costruzione delle statue fu sospeso, ed è per questo che sono rimaste una schiera di statue incompiute.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]