Milio di Cornovaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Milio di Cornovaglia[1]
4401.Das Altarbild vom Heiligen Miliau, Prinzen von Cornouaille, der von seinem Bruder 531 ermordet wurde erzählt in den Bildern die Geschichte seines Lebens.JPG
Il retablo di San Milio a Guimiliau
 

Sovrano bretone

 
Nascita470
Morte531
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza27 ottobre
Attributicorona e spada
Patrono diPlonévez-Porzay

Milio di Cornovaglia, [1] in lingua francese, oltre allo stesso Milio, Miliau, Meliau, Méliau, Meliaw, Miliaw, (470531), fu un antico sovrano bretone, semi-leggendario. Lo si ritrova in alcuni toponimi della Bretagna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era nipote diretto di Alain il Lungo, undecimo re di Bretagna, figlio di Budic,[2] e di Anna di Bretagna,[3] fratello di Teodorico e di Rivod Richard di Bretagna, sposò la regina Haudille (Aurelia di Vannes), figlia del re di Domnomée, detta anche Aurelia di Broerec, dalla quale ebbe Mélar.[4]

Nel 531, quando era già re di Bretagna, venne ucciso insieme al figlio Mélar dal proprio fratello Rivod (Rivodius), geloso della sua posizione regale.[5].

Un retablo, che daterebbe dal XVI secolo, lo rappresenta nella chiesa di Guimiliau, con corona e spada, attorniato da dieci scene della sua vita,[6] e gli è dedicato anche un calvaire.[7].

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Viene festeggiato in date diverse, ma il calendario dei santi bretoni colloca la sua memoria liturgica il 27 ottobre.

Santo eponimo di Guimiliau, Ploumilliau e Pluméliau, è anche santo patrono di Plonévez-Porzay.

Ma non è detto che si tratti del medesimo santo. Secondo alcune teorie, si tratterebbe di uno dei due monaci irlandesi, immigrati nel VI secolo, che avrebbero dato i loro nomi ai comuni di Finistère ed a quello del Trégor. In quest'ultimo caso si tratterebbe dell'eremita che ha lasciato il suo nome anche all'isola di Milliau.

Le sue tracce nella Bretagna di oggi[modifica | modifica wikitesto]

Calvario del complesso dedicato a San Milio a Guilmiliau Finistère.

Numerosi toponimi evocano san Milio e così luoghi a lui consacrati:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il riferimento alla Cornovaglia riguarda la Cornovaglia francese (o meglio bretone) e non quella inglese.
  2. ^ (FR) Généalogie Dupuis [1][collegamento interrotto] e di B17.com Copia archiviata, su b17.com. URL consultato il 30 agosto 2012 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2004).
  3. ^ (FR) Généalogie-dupuis [2][collegamento interrotto]
  4. ^ (FR) Infobretagne
  5. ^ (FR) René Largillière, Les saints et l'organisation chrétienne primitive dans l'Armorique bretonne, J. Plihon et L. Hommay, Rennes, 1925, consultabile qui
  6. ^ (FR) St Augustin Morlaix…[collegamento interrotto]
  7. ^ (FR) ibretagne[collegamento interrotto]
  8. ^ (FR) René Largillière, Les saints et l'organisation chrétienne primitive dans l'Armorique bretonne, J. Plihon et L. Hommais, 1925, consultabile qui

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]