Microcavia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Microcavia
Microcavia Australis.jpg
Microcavia australis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Hystricomorpha
Famiglia Caviidae
Sottofamiglia Caviinae
Genere Microcavia
Gervais & Ameghino, 1880
Sinonimi

Caviella, Monticavia, Nanocavia

Specie

Vedi testo

Microcavia (Gervais & Ameghino, 1880) è un genere di roditori della famiglia dei Caviidi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Al genere Microcavia appartengono roditori di medie dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 200 e 220 mm e un peso fino a 500 g.[1]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio è corto ed arcuato. I fori palatali sono grandi, di forma triangolare e molto vicini ai denti masticatori, i quali sono semplificati nella forma, divisi in due lobi da una rientranza. Gli incisivi sono bianchi.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 1 0 1 1 0 1 3
3 1 0 1 1 0 1 3
Totale: 20
1.incisivi; 2.canini; 3.premolari; 4.molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto è quello tipico di una cavia. Le parti dorsali sono generalmente bruno-grigiastre mentre quelle inferiori sono grigio chiare. Gli occhi sono grandi e circondati da anelli bianchi. Le zampe anteriori hanno quattro dita, i piedi soltanto tre, tutte le dita sono munite di robusti artigli affilati. Sono privi di coda. Le femmine hanno due paia di mammelle.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di animali terricoli ed erbivori diffusi in America meridionale, dalla Bolivia fino all'Argentina meridionale.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende 3 specie.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Novak, 1999.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Microcavia, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898
  • Patton JL, Pardiňas UFJ & D'Elia G, The Mammals of South America. Volume 2: Rodents, The University of Chicago Press, 2015. ISBN 978-0-226-16957-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi